Infezione pertosse in bambini completamente vaccinati in centri diurni, Israele

Infezione pertosse in bambini completamente vaccinati in centri diurni, Israele

Emerging Infectious Diseases journal
Srugo I1, Benilevi D, Madeb R, Shapiro S, Shohat T,Somekh E, Rimmar Y, Gershtein V, Gershtein R, Marva E, Lahat N.
2000


 

Abstract

Abbiamo testato 46 bambini completamente vaccinati in due centri diurni in Israele che sono stati esposti a un caso fatale di infezione da pertosse. Solo due su cinque bambini che sono risultati positivi a Bordetella pertussis hanno incontrato la definizione di caso di pertosse dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. I bambini vaccinati possono essere serbatoi asintomatici per l'infezione.


Conclusioni

Gli effetti del vaccino contro la pertosse a cellule intere diminuiscono dopo 5-10 anni e l'infezione in una persona vaccinata causa sintomi non specifici (3-7). Gli adolescenti e gli adulti vaccinati possono fungere da serbatoi per l'infezione silenziosa e diventare potenziali trasmettitori di neonati non protetti (3-11). Il vaccino a cellule intere per pertosse è protettivo solo contro la malattia clinica, non contro l'infezione (15-17). Pertanto, anche i bambini giovani, vaccinati di recente, possono fungere da serbatoi e potenziali trasmettitori di infezione.
Abbiamo usato PCR, EIA e coltura per confermare l'infezione da B. pertussis in due gruppi di bambini altamente vaccinati in due centri diurni. Tre (10%) di 30 bambini di età compresa tra 2 e 3 anni erano sieropositivi per infezione recente; uno ha avuto la colonizzazione nasofaringea e una malattia clinica che ha incontrato la definizione del caso dell'OMS modificata. Nel centro diurno per il gruppo da 5- a 6 anni, 9 (55%) di 16 bambini erano IgM positivi, 4 (25%) dei quali avevano una colonizzazione nasofaringea. Di questi quattro bambini, tre hanno avuto tosse non specifica, e solo uno ha incontrato la definizione OMS modificata per pertosse. Nessuno dei bambini del nostro studio, compresi quelli che hanno incontrato la definizione dell'OMS, era stato esaminato da un medico prima della nostra indagine.
I bambini che erano sieropositivi e rimanevano sia asintomatici che negativi alla PCR probabilmente avevano un'immunità sufficiente dai vaccini o dai booster naturali per proteggerli dalla colonizzazione persistente e dalla malattia clinica. La loro sieropositività potrebbe non essere dovuta al vaccino perché i bambini sono stati testati più di un anno dopo essere stati vaccinati. Tuttavia, non tutti i bambini sono stati protetti dall'infezione e dalla colonizzazione con i batteri. Se un bambino che è sierologicamente o PCR positivo per la pertosse ed è clinicamente asintomatico è un potenziale trasmettitore di infezione non è stato stabilito. Ciò che è certo, tuttavia, è che l'immunità indotta dal vaccino contro l'infezione non persiste per tutta l'età adulta. In Francia, sono state raccomandate vaccinazioni di richiamo per adolescenti e adolescenti (18). Abbiamo riscontrato che l'immunità non persiste nemmeno nella prima infanzia in alcuni casi. Abbiamo anche osservato che il vaccino DPT non protegge completamente i bambini dal livello di malattia clinica definito dall'OMS. I nostri risultati indicano che i bambini di età compresa tra 5 e 6 anni e possibilmente più giovani, di età compresa tra 2-3 anni, svolgono un ruolo di serbatoi silenziosi nella trasmissione della pertosse nella comunità. Sono necessari ulteriori studi per trovare la base immunologica di protezione contro l'infezione e la colonizzazione e quindi un modo efficace per sradicare la pertosse.