Il Congresso americano è di proprietà delle Big Pharma

Il Congresso americano è di proprietà delle Big Pharma

Le aziende farmaceutiche sono sotto i riflettori delle udienze del Congresso per i prezzi dei farmaci e per le accuse nel ruolo nella crisi degli oppioidi.

Il dott. Raeford Brown, specialista in anestesia pediatrica presso il Kentucky Children's Hospital del Regno Unito e presidente del comitato per gli analgesici e gli anestetici della Food and Drug Administration (FDA), è stato apertamente critico nei confronti della grande industria farmaceutica e della mancanza di una corretta supervisione da parte della FDA.

Nonostante molti politici, in particolare i candidati presidenziali, che iniziano a parlare contro le grandi case farmaceutiche, Brown non pensa che ne deriverà qualcosa di concreto "perché il Congresso è di proprietà delle pharma".

"Nel 2016, hanno messo $ 100 milioni alle elezioni. Sono un sacco di soldi" 


"Si tratta davvero di Congresso"

congresso 1

Contributi dell'industria farmaceutica e dei prodotti sanitari durante il ciclo elettorale 2017-2018. (Foto: screenshot / OpenSecrets)

OpenSecrets, un sito web gestito dal Centro non partigiano per la politica reattiva, tiene traccia dei soldi nella politica degli Stati Uniti. Hanno classificato i 20 migliori membri della Camera e del Senato che hanno ricevuto il maggior numero di contributi della campagna dall'industria farmaceutica e dei prodotti sanitari durante il turno elettorale 2017-2018.

Il sito web definisce il settore come "non solo produttori di medicine ma anche rivenditori di prodotti medici e integratori alimentari e dietetici".

congresso 2

La senatrice Heidi Heitkamp, (D-N. Dak), Lascia il Campidoglio dopo una votazione giovedì 14 giugno 2018. (Foto di Bill Clark / CQ Roll Call)

Durante il turno elettorale del 2017-2018, Kevin McCarthy, ora capo della minoranza della Camera dopo i midterms e ricevette il secondo più alto contributo di fondi del Congresso. Il politico californiano ha ricevuto un totale di 380.350 dollari, in grossa parte proveniente da aziende farmaceutiche come Abbott Laboratories (ABT), Pfizer (PFE), Johnson & Johnson (JNJ), Eli Lilly (LLY), Amgen (AMGN) e Merck (MRK).

"Sono molto più preoccupato perché il Congresso dovrebbe avere supervisione per la FDA", ha dichiarato Brown. "Se l'FDA non ha intenzione di ritenere il farmaceutico responsabile, e il Congresso viene pagato per non ritenere il farmaceutico responsabile, allora non importa chi sia il presidente perché non si tratta veramente del Congresso".

congresso 3

Democratici e Repubblicani beneficiano ugualmente delle donazioni di Big Pharma. (Foto: screenshot / OpenSecrets)

Paul Ryan (R-Wis.), l'ex presidente della Camera, è stato classificato decimo tra i membri del Congresso. Ha ricevuto $ 222.070 e la maggior parte dei fondi provenienti da Merck. Quattordici tra i primi 20 destinatari della Camera erano repubblicani.

Beto O'Rourke (D-Texas), un ex membro del Congresso che quasi sconvolse il senatore Ted Cruz (R-Texas) nei midterms del 2018, era 18° nella lista. O'Rourke, visto come un potenziale candidato presidenziale democratico del 2020, ha ricevuto $ 171,255.


Elenco dei migliori Democrsatici delle donazioni del grande pharma del Senato

In Senato nomi importanti includono Orrin Hatch (R-Utah), Kirsten Gillibrand (D-N.Y.) e il leader della maggioranza  Mitch McConnell (R-Ky.). Hatch ha ricevuto $ 238,289 in donazioni, con Merck in testa come il più grande donatore tra le aziende manifatturiere.

McConnell, classificato dodicesimo tra i senatori nella lista, ha ricevuto $ 149,113, con Eli Lilly come la principale azienda farmaceutica. Quindici tra i primi 20 destinatari al Senato erano democratici. Gillibrand, candidato democratico alla presidenza per le elezioni del 2020, si è classificato 11° nella lista.

Oltre la metà dei grandi fondi farmaceutici ricevuti durante il tirno elettorale 2017-2018 proveniva da Pfizer, con Amgen, AbbVie (ABBV) e Johnson & Johnson anche nel mezzo. Gillibrand complessivamente ha ricevuto un totale di $ 151.197 dall'industria farmaceutica, ha annunciato a febbraio 2019 che lei e il senatore Sherrod Brown (DO.H.) stavano introducendo una legislazione che avrebbe "penalizzato le società farmaceutiche che si ritenevano impegnate nell'aumento dei prezzi senza causa, portando a sovraccarichi di prezzo per i pazienti che si affidano a farmaci per curare malattie che vanno dal cancro alla dipendenza"

congresso 5

Il candidato democratico alla presidenza Sen. Kirsten Gillibrand (D-N.Y.) Lunedì 25 febbraio 2019. (AP Photo / Manuel Balce Ceneta)

Il senatore del Minnesota e la candidata democratica alla presidenza Amy Klobuchar (D-Minn.) ha ripetutamente affermato in pubblico di non essere stata comprata dalle grandi pharma. "In Minnesota e in tutto il paese, nessun luogo è stato immune dagli effetti devastanti dell'abuso di oppiacei", ha dichiarato il senatore Klobuchar a Yahoo Finance. "Nel mio stato, le morti per abuso di medicine incidono ora la vita di più Minnesotani che omicidi o incidenti automobilistici. Dobbiamo continuare a lavorare insieme per affrontare il flagello della dipendenza da oppioidi che continua a prendere vite ogni giorno".

Allo stesso tempo, grazie al sistema di finanziamento delle campagne statunitensi, Klobuchar ha anche ricevuto denaro da alcune delle aziende che contribuiscono all'epidemia di oppioidi. Secondo OpenSecrets, Klobuchar ha ricevuto $ 65,491 in fondi della campagna durante il turno elettorale 2017-2018, con $ 8.500 provenienti da aziende farmaceutiche. Abbott Laboratories era il suo più grande donatore di farmaci a $ 8.000.


'Se non cambiamo ... accadrà di nuovo'

congresso 6

Purdue Pharma è una società che è stata oggetto di diversi incendi e affronta circa 2.000 cause legali tra cui quella dello stato del Massachusetts che ha affermato che "ha creato l'epidemia [oppiaceo] e ne ha tratto profitto attraverso una rete di inganni illegali.”

Sebbene il senatore Richard Burr (R-N.C.) non sia tra i primi 20 senatori che ha ricevuto grosse somme dalle case farmaceutiche, ha ricevuto la più grande somma dalla Purdue nel turno elettorale 2017-2018, per un totale di $ 6.000. Dal 2007, Purdue ha contribuito con 170.250 $ alle sue campagne, secondo Kaiser Health News.

Come risultato delle cause legali, Purdue Pharma sta esplorando la richiesta di fallimento. Il deposito per la protezione del capitolo 11 "fermerebbe le cause legali e consentirebbe a Purdue di negoziare reclami legali con i querelanti sotto la supervisione di un giudice fallimentare statunitense", ha riferito Reuters.


Fonte: news.yahoo.com