Mentre aumenta la pressione per il vaccino contro il coronavirus, gli scienziati discutono dei rischi di test accelerati

Mentre aumenta la pressione per il vaccino contro il coronavirus, gli scienziati discutono dei rischi di test accelerati

CHICAGO (Reuters) - le farmaceutiche stanno lavorando il più rapidamente possibile per sviluppare un vaccino per combattere il coronavirus in rapida diffusione che ha infettato oltre 100.000 persone in tutto il mondo.

Dietro le quinte, gli scienziati e gli esperti medici sono preoccupati che velocizzare l'iter di approvazione di un vaccino potrebbe finire per peggiorare l'infezione in alcuni pazienti piuttosto che prevenirla.

Gli studi suggeriscono che i vaccini contro il coronavirus comportano il rischio di "potenziamento del vaccino", dove invece di proteggere dalle infezioni, il vaccino può effettivamente peggiorare la malattia quando una persona vaccinata viene infettata dal virus. Il meccanismo che causa tale rischio non è completamente compreso ed è uno dei blocchi che ha impedito lo sviluppo efficace di un vaccino contro il coronavirus.

Normalmente, i ricercatori impiegherebbero mesi per testare la possibilità di potenziamento del vaccino negli animali. Data l'urgenza di arginare la diffusione del nuovo coronavirus, alcuni produttori si stanno muovendo direttamente in test umani su piccola scala, senza attendere il completamento di tali test sugli animali.

"Capisco l'importanza di accelerare le tempistiche per i vaccini in generale, ma da tutto quello che so, questo non è il vaccino con cui farlo", ha dichiarato il Dott. Peter Hotez, preside della National School of Tropical Medicine del Baylor College of Medicine a Reuters.

Hotez ha lavorato allo sviluppo di un vaccino per la SARS (sindrome respiratoria acuta grave), il coronavirus alla base di un grave focolaio del 2003, e ha scoperto che alcuni animali vaccinati hanno sviluppato una malattia più grave rispetto agli animali non vaccinati quando sono stati esposti al virus.

"Esiste il rischio di potenziamento immunitario", ha affermato Hotez. "Il modo in cui riduci tale rischio è innanzitutto dimostrare che non si verifica negli animali da laboratorio."

Hotez ha testimoniato la scorsa settimana davanti al comitato della Camera degli Stati Uniti su scienza, spazio e tecnologia sulla necessità di finanziamenti per la ricerca sui vaccini. Non rimane alcun vaccino per nessuno dei nuovi coronavirus che hanno causato focolai negli ultimi 20 anni.

Almeno per ora gli esperti mondiali hanno concluso che i test accelerati sono un rischio che vale la pena prendere.

Nel corso di una riunione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) appositamente convocata a metà febbraio, progettata per coordinare una risposta globale al nuovo coronavirus, gli scienziati che rappresentano organizzazioni di ricerca finanziate dal governo e produttori in tutto il mondo hanno concordato che la minaccia era così grande che il vaccino avrebbe dovuto passare rapidamente dalla sperimentazione sull'uomo prima che siano completati i test sugli animali.

"se volete avere un vaccino il più rapidamente possibile", ha detto a Reuters la dott.ssa Marie-Paule Kieny, ex vicedirettore generale dell'OMS, che ha presieduto l'incontro: "Devi bilanciare questo con il rischio che imponi a un numero molto limitato di persone e fai tutto ciò che puoi fare per mitigare il più possibile il rischio."

La conclusione di quell'incontro, che non era aperto ai media, non è stata pubblicizzata ufficialmente dall'OMS. Non riflette alcuna posizione ufficiale adottata dall'OMS, un organo delle Nazioni Unite il cui compito è quello di contribuire a definire la politica sanitaria globale.

La supervisione normativa dei produttori di droga e la ricerca è nelle mani dei regolatori nazionali. Il più potente di questi, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, ha segnalato che è in accordo con il consenso e non ostacolerà i programmi di test accelerati.

"Quando rispondiamo a una situazione urgente di salute pubblica come il nuovo coronavirus, intendiamo esercitare la flessibilità normativa e prendere in considerazione tutti i dati relativi a una determinata piattaforma di vaccinazione", ha detto la portavoce della FDA Stephanie Caccomo in una nota. L'agenzia non ha commentato specificamente i test sugli animali per il potenziamento del vaccino.

Gli sviluppatori del vaccino contro il coronavirus sono ancora tenuti a condurre test di routine sugli animali per assicurarsi che il vaccino stesso non sia tossico e possa aiutare il sistema immunitario a rispondere al virus.

RISCHIO SEATTLE

Circa 20 candidati al vaccino contro il coronavirus sono in fase di sviluppo da parte di istituti di ricerca e produttori tra cui gli americani Johnson & Johnson e la francese Sanofi SA. Il governo degli Stati Uniti ha stanziato oltre 3 miliardi di dollari per trattamenti e vaccini contro il coronavirus.

La società di biotecnologie Moderna Inc, che collabora con il National Institutes of Health (NIH), finanziato dagli Stati Uniti, è la più vicina ai test sugli esseri umani, annunciando piani per iniziare una sperimentazione con 45 persone a Seattle questo mese.

I test per il rischio specifico di potenziamento del vaccino negli animali procederanno contemporaneamente alle sperimentazioni sull'uomo, ha dichiarato NIH a Reuters, che ha affermato che dovrebbe stabilire se è sicuro esporre un numero maggiore di persone al vaccino. Moderna non ha risposto alle richieste di commento.

Il piano è conforme al consenso dell'OMS e ai requisiti della FDA, ha affermato la dott.ssa Emily Erbelding, direttrice della divisione di microbiologia e malattie infettive dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID), parte del NIH. Il processo dovrebbe durare 14 mesi, ha detto una portavoce del NIH.

Il Dott. Gregory Poland, virologo e ricercatore di vaccini presso la Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota, ha espresso dubbi su tale approccio. "Questo è importante, ma deve essere fatto in modo da rassicurare gli scienziati e il pubblico sul fatto che questi (vaccini) non sono solo efficaci, ma sicuri", ha detto a Reuters.

Hotez ha detto di essere sorpreso che i test umani stessero andando avanti. "Se c'è un miglioramento del sistema immunitario negli animali da laboratorio vaccinati con il vaccino Moderna, questo è uno spettacolo", ha dichiarato.

La società americana di immunoterapia Inovio Pharmaceuticals Inc, che sta sviluppando un vaccino contro il coronavirus in collaborazione con una società cinese, prevede anche di avviare studi clinici sull'uomo in 30 volontari statunitensi ad aprile invece di aspettare studi sugli animali sul potenziamento del vaccino.

"La comunità nel suo insieme ha valutato questo e ha affermato che non vogliamo ritardare il processo clinico. Siamo stati incoraggiati ad andare il più rapidamente possibile agli studi di Fase 1 ", ha detto a Reuters l'amministratore delegato di Inovio Joseph Kim.

La società ha in programma di avviare prove sulla sicurezza umana poco dopo in Cina e Corea del Sud, due paesi che sono stati duramente colpiti dal virus. Kim ha dichiarato di aspettarsi di avere una risposta alla domanda sul potenziamento del vaccino entro quest'anno.

Lo studio Moderna / NIH sta arruolando pazienti presso il Kaiser Permanente Washington Health Research Institute di Seattle. La scelta del luogo, effettuata diverse settimane fa, potrebbe rivelarsi problematica.

Per ridurre il rischio per i volontari, gli scienziati della riunione dell'OMS hanno raccomandato ai produttori di limitare i primi studi clinici a piccoli gruppi di persone sane e di condurli in luoghi in cui il virus non si sta diffondendo, secondo Kieny, che ora lavora presso l'istituto di ricerca francese Inserm. Ciò riduce le possibilità che le persone che assumono il vaccino possano incontrare il virus e scatenare una reazione più grave.

Da quando è stato scelto il luogo, l'area metropolitana di Seattle è emersa come epicentro delle infezioni negli Stati Uniti. Lo stato di Washington ha riportato 162 infezioni da coronavirus e 22 decessi, su un totale di 755 infezioni e 26 decessi nel paese a partire da martedì, secondo un conteggio della Johns Hopkins University.

Tuttavia Moderna e il NIH hanno in programma di andare avanti.

"Pensiamo che non vi sia motivo di dover cambiare sito. Se lo cambi, potrebbe esserci una trasmissione della comunità in un altro sito nelle prossime due settimane ", ha detto Erbelding. “Qualsiasi rischio di ciò per i partecipanti è molto piccolo. Sarebbe gestibile mentre il processo avanza. Le persone vengono osservate molto, molto attentamente. ”


SEGNALI ANTICIPATI

Tragiche esperienze di altri vaccini e precedenti lavori sui coronavirus hanno sollevato alcune bandiere di avvertimento per gli sviluppatori.

L'esempio più noto si è verificato in uno studio negli Stati Uniti negli anni '60 di un vaccino creato dal NIH e concesso in licenza a Pfizer Inc per combattere il virus respiratorio sinciziale (RSV), che causa la polmonite nei neonati. La stragrande maggioranza dei bambini che hanno ricevuto il vaccino ha sviluppato una malattia più grave e due bambini sono morti. Un esempio più recente si è verificato nelle Filippine, dove circa 800.000 bambini sono stati vaccinati con il vaccino contro la dengue di Sanofi, Dengvaxia. Solo in seguito la società ha appreso che potrebbe aumentare il rischio di malattie più gravi in ​​una piccola percentuale di individui.

La ricerca, inclusa quella condotta da Hotez, ha dimostrato che i coronavirus in particolare hanno il potenziale per produrre questo tipo di risposta. Ma testare il rischio di potenziamento del vaccino richiede tempo perché richiede che gli scienziati allevino topi geneticamente modificati per rispondere al virus come gli umani. Il lavoro su questi e altri modelli animali è appena iniziato in diversi laboratori in tutto il mondo.

Moderna, Inovio e molti altri sviluppatori di vaccini non stanno aspettando il completamento di tale processo e stanno pianificando di avviare studi sull'uomo a tempo di record per un virus scoperto solo a dicembre.

Sia Moderna che Inovio affermano che i loro vaccini hanno un rischio minore di potenziamento del vaccino perché sono realizzati utilizzando una tecnologia più recente che si concentra su geni specifici sulla porzione esterna di "spike" del virus. I vaccini contro il coronavirus che hanno causato il potenziamento del vaccino sono stati generalmente realizzati utilizzando una versione inattiva dell'intero virus. Nessuna delle due società ha finora prodotto un vaccino autorizzato.

J&J ha affermato che sta sviluppando modelli animali per testare il potenziamento del vaccino e spera di avere un candidato al vaccino pronto per i test sull'uomo ad ottobre. Un portavoce di Sanofi ha dichiarato che la società esaminerà questo rischio prima di testare il vaccino negli studi clinici.

"La gente sa quanto sia stata traumatica l'esperienza di RSV", ha dichiarato il dott. Johan Van Hoof, capo globale di Janssen Vaccines, unità di vaccinazione di J&J. "Quando vedi segnali in animali come questo, non dovremmo ignorarli."


Fonte: https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-vaccines-insight/as-pressure-for-coronavirus-vaccine-mounts-scientists-debate-risks-of-accelerated-testing-idUSKBN20Y1GZ