Impatto della vaccinazione contro l'influenza sulla mortalità stagionale nella popolazione anziana degli Stati Uniti

Impatto della vaccinazione contro l'influenza sulla mortalità stagionale nella popolazione anziana degli Stati Uniti
  • Lone Simonsen, Thomas A. Reichert, Cecile Viboud, William C. Blackwelder, Robert J. Taylor, Mark A. Miller
  • DOI: 10.1001/archinte.165.3.265
  • Febbraio 2005

Abstract

Background: Gli studi osservazionali riferiscono che la vaccinazione antinfluenzale riduce del 50% il rischio di mortalità invernale per qualsiasi causa tra gli anziani. La copertura della vaccinazione antinfluenzale tra gli anziani (≥65 anni) negli Stati Uniti è aumentata dal 15% al 20% prima del 1980 al 65% nel 2001. Inaspettatamente, le stime della mortalità influenzale in questa fascia d'età sono aumentate anche in questo periodo. Abbiamo cercato di conciliare questi risultati contrastanti aggiustando le stime di mortalità in eccesso per l'invecchiamento e l'aumento della circolazione dei virus dell'influenza A(H3N2).

Metodi: Abbiamo utilizzato un modello di regressione ciclica per generare stime stagionali della mortalità nazionale legata all'influenza (eccesso di mortalità) tra gli anziani sia per la polmonite che per l'influenza e per tutte le cause di morte per le 33 stagioni dal 1968 al 2001. Abbiamo stratificato i dati per fasce d'età di 5 anni e separato le stagioni dominate dai virus A(H3N2) delle altre stagioni.

Risultati: Per le persone di età compresa tra i 65 e i 74 anni, i tassi di mortalità in eccesso nelle stagioni dominate da A(H3N2) sono diminuiti tra il 1968 e i primi anni '80, ma sono rimasti approssimativamente costanti in seguito. Per le persone di 85 anni o più, il tasso di mortalità è rimasto piatto per tutto il periodo. L'eccesso di mortalità nelle stagioni A(H1N1) e B non è cambiato. Per le persone di 65 anni o più, l'eccesso di mortalità non ha mai superato il 10% di tutti i decessi invernali.

Conclusions: Attribuiamo il calo della mortalità legata all'influenza tra le persone di età compresa tra i 65 e i 74 anni nel decennio successivo alla pandemia del 1968 all'acquisizione dell'immunità al virus emergente A(H3N2). Non abbiamo potuto correlare l'aumento della copertura vaccinale dopo il 1980 con il calo della mortalità in qualsiasi fascia d'età. Poiché meno del 10% di tutti i decessi invernali erano attribuibili all'influenza in qualsiasi stagione, concludiamo che gli studi osservazionali sovrastimano sostanzialmente il beneficio della vaccinazione.

Una valutazione accurata dell'impatto stagionale dell'influenza sulla mortalità è un compito difficile. La diagnosi di infezione da virus influenzale è raramente confermata in laboratorio e l'infezione da influenza viene spesso cancellata prima dell'insorgenza delle complicazioni secondarie che causano effettivamente la morte del paziente.1,2 Di conseguenza, la mortalità legata all'influenza deve essere determinata indirettamente, utilizzando modelli statistici che stimano l'eccesso stagionale invernale di polmonite e influenza (P&I) o la mortalità totale al di sopra di una linea di base di mortalità prevista (Figura 1). 3-8 Lo studio delle tendenze della mortalità legata all'influenza nel tempo è ulteriormente complicato sia dalla sostanziale variazione da stagione a stagione del numero di decessi da 0 a 70.000 dal 19687,8 - sia dal fatto che la mortalità è molto più alta nelle stagioni dominate dai virus dell'influenza A(H3N2) che nelle stagioni dominate dai virus dell'influenza B e A(H1N1).5

La vaccinazione antinfluenzale negli Stati Uniti è stata a lungo raccomandata per tutte le persone di 65 anni o più.9 La copertura vaccinale per questa fascia d'età è aumentata dal 15% al 20% prima del 1980 al 65% nel 2001.10 Tuttavia, le medie mobili a 3 anni di tassi di mortalità P&I in eccesso non corretti tra le persone di 65 anni o più hanno compilato per l'iniziativa Healthy People 200011 per tracciare l'effetto della vaccinazione sulla mortalità legata all'influenza negli Stati Uniti - rosa sostanzialmente durante questo periodo.12 Ciò è stato sorprendente perché la vaccinazione antinfluenzale è ritenuta altamente efficace nel ridurre la mortalità legata all'influenza.13-19

Abbiamo quindi deciso di analizzare i dati sulla mortalità legata all'influenza negli ultimi 3 decenni e di adeguare i dati a 2 importanti fattori che potrebbero influenzare le tendenze osservate. In primo luogo, sebbene il rischio di mortalità da influenza aumenti rapidamente con l'età6 , le medie mobili non sono state adeguate all'aumento sostanziale dell'età media della popolazione anziana statunitense verificatosi negli ultimi 3 decenni.20 In secondo luogo, le medie mobili non si sono adeguate all'aumento della frequenza con cui i virus A(H3N2) hanno dominato le stagioni influenzali negli anni '90. Abbiamo quindi corretto le stime della mortalità legata all'influenza per età e abbiamo analizzato l'andamento della mortalità nel tempo per le stagioni dominate dai virus A(H3N2) dell'influenza separatamente da quelle dominate dai virus A(H1N1) o B dell'influenza.