Le cifre sulla morte per influenza negli Stati Uniti sono più PR che scienza?

Le cifre sulla morte per influenza negli Stati Uniti sono più PR che scienza?

Abstract

I dati statunitensi sulle morti per influenza sono un casino. Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) riconosce una differenza tra la morte per influenza e la morte associata all'influenza, ma usa i termini in modo intercambiabile. Inoltre, ci sono significative incompatibilità statistiche tra le stime ufficiali e i dati statistici vitali nazionali. A questi problemi si aggiunge una strategia di marketing della paura, una strategia di comunicazione del CDC in cui gli esperti medici "prevedono risultati disastrosi" durante le stagioni influenzali.

Il sito web del CDC afferma ciò che è diventato comunemente accettato e ampiamente riportato dalla stampa laica e scientifica: ogni anno "circa 36 000 [americani] muoiono di influenza" (www.cdc.gov/flu/about/disease.htm) e "influenza/pneumonia" è la settima causa di morte negli Stati Uniti (www.cdc.gov/nchs/fastats/lcod.htm). Ma perché l'influenza e la polmonite sono legate insieme? Il rapporto è così forte o unico da poterli caratterizzare come un'unica causa di morte?

David Rosenthal, direttore dei servizi sanitari dell'Università di Harvard, ha detto: "Le persone non muoiono necessariamente, di per sé, a causa del virus [dell'influenza], la viremia. Ciò di cui muoiono è una polmonite secondaria. Molte di queste polmoniti non sono polmoniti virali, ma polmoniti secondarie". Ma il dottor Rosenthal era d'accordo che il rapporto influenza/polmonite non era unico. Per esempio, un recente studio (JAMA 2004;292: 1955-60 [PubMed] [Google Scholar]) ha scoperto che i farmaci per la soppressione degli acidi gastrici sono associati a un rischio più elevato di polmonite acquisita dalla comunità, ma tali farmaci e polmonite non sono compilati come una singola statistica.

Il CDC afferma che la storica pandemia di "influenza di Hong Kong" del 1968-9 ha ucciso 34 000 americani. Allo stesso tempo, il CDC afferma che ogni anno 36 000 americani muoiono di influenza. Che cosa sta succedendo?

Nel frattempo, secondo il National Center for Health Statistics (NCHS) del CDC, "l'influenza e la polmonite" hanno provocato 62 034 morti nel 2001-61 777 delle quali sono state attribuite alla polmonite e 257 all'influenza, e solo in 18 casi il virus dell'influenza è stato identificato positivamente. Tra il 1979 e il 2002, i dati del NCHS mostrano una media di 1348 decessi per influenza all'anno (da 257 a 3006).

I dati del NCHS sarebbero compatibili con le stime di mortalità del CDC se circa la metà dei decessi classificati dal NCHS come polmonite fossero in realtà polmoniti secondari iniziati dall'influenza. Ma i criteri del NCHS indicano il contrario: "Le statistiche sulle cause di morte si basano esclusivamente sulla causa di morte sottostante... definita dall'OMS come "la malattia o la lesione che ha dato inizio al treno di eventi che portano direttamente alla morte."

In una dichiarazione scritta, le relazioni con i media del CDC hanno risposto alle diverse statistiche: "Di solito, l'influenza causa la morte quando l'infezione porta a gravi complicazioni mediche." E come la maggior parte di questi casi "non sono mai stati testati per l'infezione da virus ... CDC considera queste cifre [NCHS] come un sottocontesto molto sostanziale del numero reale di morti per l'influenza. Pertanto, il CDC usa metodi di modellazione indiretta per stimare il numero di decessi associati all'influenza".

Il modello del CDC ha calcolato una media annuale di 36 155 decessi per influenza associati a cause respiratorie e circolatorie (JAMA 2003;289: 179-86 [PubMed] [Google Scholar]). Meno di un quarto di questi (8097) sono stati descritti come decessi per influenza o per polmonite associati all'influenza. Quindi la cifra molto pubblicizzata di 36.000 non è una stima dei decessi annuali per influenza, come ampiamente riportato sia dalla stampa laica che da quella scientifica, ma una stima generata da un modello di morte associata all'influenza.

William Thompson del National Immunization Program (NIP) del CDC, e autore principale dell'articolo JAMA del CDC del 2003, ha spiegato che "la mortalità associata all'influenza" è "un'associazione statistica tra i decessi e i dati virali disponibili". Ha detto che un'associazione non implica una causa di morte sottostante: "Basandoci sulla modellazione, pensiamo che sia associata. Non so se diremmo che è la causa di morte sottostante".

Eppure questa posizione è incompatibile con l'affermazione del CDC secondo cui l'influenza uccide 36.000 persone all'anno - una falsa rappresentazione che deve ancora essere pubblicamente corretta.

Prima del 2003 il CDC ha affermato che ogni anno si verificavano 20.000 decessi associati all'influenza. La nuova cifra di 36 000 persone riportata nel documento JAMA del gennaio 2003 è una stima della mortalità associata all'influenza nel corso degli anni '90. Keiji Fukuda, ricercatore sull'influenza e coautore del documento, è stato citato come una delle due possibili cause di questo aumento dell'80%: "Una è che il numero di persone di età superiore ai 65 anni sta crescendo sempre di più... La seconda possibile ragione è il tipo di virus che predominava negli anni '90 [era più virulento]".

Tuttavia, la popolazione di oltre 65 anni è cresciuta solo del 12% tra il 1990 e il 2000. E se il virus dell'influenza fosse stato veramente più virulento negli anni '90, ci si aspetterebbe più morti. Ma i decessi per influenza registrati dal NCHS erano in media il 30% in meno negli anni Novanta rispetto agli anni Ottanta.

Se passerà, il Flu Protection Act del 2005 rinnoverà la politica statunitense sul vaccino antinfluenzale. La legislazione richiederà al CDC di pagare i produttori per i vaccini invenduti "attraverso meccanismi di mercato di routine". Il disegno di legge richiederà anche che il CDC conduca una "campagna di sensibilizzazione del pubblico" sottolineando "la sicurezza e i benefici dei vaccini raccomandati per il bene pubblico".

Eppure questa legge oscura il fatto che il CDC sta già lavorando nell'interesse dei produttori conducendo campagne per aumentare la vaccinazione antinfluenzale. Al "National Influenza Vaccine Summit 2004", co-sponsorizzato da CDC e dall'American Medical Association, Glen Nowak, direttore associato per la comunicazione al NIP, ha parlato dell'uso dei media per aumentare la domanda di vaccino. Un passo di una "Ricetta in sette fasi per generare interesse e domanda per la vaccinazione antinfluenzale (o qualsiasi altra)" si verifica quando "gli esperti medici e le autorità sanitarie pubbliche pubblicamente ... dichiarano preoccupazione e allarme (e prevedono risultati disastrosi) - e sollecitano la vaccinazione antinfluenzale" (www.ama-assn.org/ama1/pub/upload/mm/36/2004_flu_nowak.pdf). Un altro passo consiste nel "continuare a riferire... che l'influenza sta causando malattie gravi e/o colpisce molte persone, contribuendo a promuovere la percezione che molte persone sono suscettibili a un brutto caso di influenza".

Prima del vertice, la domanda era stata bassa all'inizio della stagione influenzale 2003. "A quel punto, i produttori ci dicevano che non stavano ricevendo molti ordini di vaccini da utilizzare a novembre o addirittura a dicembre", ha ricordato il dottor Nowak alla National Public Radio. "Sembrava davvero che dovessimo fare qualcosa per incoraggiare la gente a farsi fare il vaccino antinfluenzale".

Se l'influenza non è di fatto una delle principali cause di morte, questo approccio di pubbliche relazioni è sicuramente esagerato. Inoltre, collegando arbitrariamente l'influenza con la polmonite, i dati attuali sono statisticamente distorti. Fino a quando non vengono corretti e fino a quando non vengono sviluppate statistiche imparziali, le possibilità di una discussione solida e di una politica sanitaria pubblica sono limitate.