#SistemaInfanzia

Tutto ciò che ha messo, e mette in pericolo l'infanzia

Diocesi non sicure: la mappa degli abusi sessuali commessi in Italia da religiosi

Diocesi non sicure: la mappa degli abusi sessuali commessi in Italia da religiosi

"Diocesi non sicure" nasce da Rete L’ABUSO, associazione sopravvissuti agli abusi sessuali del clero, e cioè dall’idea di un gruppo di vittime di preti pedofili, le quali, in occasione di un incontro internazionale a Roma, si rendono conto delle incredibili analogie tra i loro casi, tutti casi in cui l’abusatore è un sacerdote.

La mappa raccoglie gli abusi sessuali, commessi in Italia da religiosi su bambini e adolescenti. Un raggruppamento di tutti i casi noti, quelli giunti al 3° grado di giudizio, quelli attualmente in corso e quelli di cui non si è più saputo nulla.

A vedere questa mappa l’impatto è già notevole, vi invitiamo comunque sia ad allargare la cartina perché purtroppo i casi sono molti di più di quelli che sembrano ad un primo impatto e molti di loro si sovrappongono, allargando la mappa riuscirete più facilmente nella consultazione.

Questo è dovuto al fatto che alcuni casi sono avvenuti nella stessa località o in una zona limitrofa e quindi si sovrappongono quando lo zoom della mappa è ridotto.

Rete L'ABUSO ha selezionato con il colore ROSSO tutti i casi di condanna in 3°grado, reo confessi o coloro che hanno patteggiato. (Qui potete trovare l’elenco completo con funzione per la ricerca)

Con il colore GIALLO invece ha raggruppato tutti i casi attualmente in attesa di giudizio e quelli di cui non si è più saputo nulla. (Qui potete trovare l’elenco completo con funzione per la ricerca)

Con il colore NERO i casi di sacerdoti indagati all’estero e nascosti in Italia.

I quadrati VIOLA indicano invece le comunità di recupero per preti con problemi. Cliccando sui segnaposti ROSSI, gialli, NERI e VIOLA, si aprirà la scheda completa.

Visualizza la mappa su Rete L’ABUSO

 

Image

Iscriviti alla Newsletter

Ricordati di confermare la tua iscrizione con il link che troverai nelle email che ti abbiamo inviato

0
Shares

Sei interessato?

Seguici anche sui nostri canali Social...

0
Shares