Italian Italiano

Case Farmaceutiche

Un Whistleblower di Pfizer riceve 1,37 milioni di dollari di risarcimento

Un Whistleblower di Pfizer riceve 1,37 milioni di dollari di risarcimento

Una giuria federale ha assegnato 1,37 milioni di dollari di danni a un'ex scienziata Pfizer che ha affermato di essere stata ammalata da un virus geneticamente modificato in un laboratorio dell'azienda e poi licenziata per aver sollevato problemi di sicurezza.

Il caso, che è stato deciso giovedì, ha sollevato interrogativi sulla sicurezza dei lavoratori nel settore delle biotecnologie e sulle normative per proteggerli. Il nuovo capo dell'Amministrazione federale per la sicurezza e la salute sul lavoro ha dichiarato venerdì che l'agenzia si sta muovendo per migliorare la regolamentazione dei materiali biologici.

La giuria del tribunale distrettuale degli Stati Uniti ad Hartford non ha effettivamente esaminato se il virus avesse causato la malattia paralizzante di cui soffre ancora la scienziata, Becky McClain. Il giudice aveva respinto tale affermazione prima del processo, affermando che la signora McClain non aveva prove adeguate e che si trattava di un risarcimento del lavoratore.

Ma la giuria ha stabilito che Pfizer aveva violato le leggi a tutela della libertà di parola e degli informatori per rappresaglia contro la signora McClain, che ha lavorato per l'azienda dal 1996 al 2005.

Il caso ha attirato l'attenzione di alcuni sostenitori dei lavoratori, che affermano che mostra i rischi che i lavoratori nei laboratori biologici incontrano e la mancanza di regole per proteggerli. La signora McClain, ad esempio, ha affermato di aver incontrato molte difficoltà nei suoi tentativi di apprendere il contenuto genetico del virus che sospettava l'avesse infettata perché protetto come segreto commerciale.

"È un campo che è stato secretato dalla luce del sole", ha affermato venerdì Ralph Nader, il difensore dei consumatori. Il signor Nader, che si è interessato al caso, ha detto di aver parlato con la signora McClain tre volte al telefono. La signora McClain, una biologa molecolare presso il laboratorio di Pfizer a Groton, Connecticut, si era lamentata di quelli che considerava problemi di sicurezza, compresi i banchi accanto ai luoghi in cui venivano condotti gli esperimenti biologici.

Ora soffre di una carenza di potassio che causa una paralisi sporadica e temporanea, che secondo lei è stata causata da un virus geneticamente modificato utilizzato da un collega.

Un portavoce della Pfizer ha dichiarato venerdì che la società è rimasta delusa dal verdetto e sta valutando le opzioni per le mozioni per annullarlo. La portavoce, Elizabeth Power, ha detto in un messaggio di posta elettronica che la signora McClain era stata licenziata per non essere tornata al lavoro per 11 mesi, non a causa dei suoi reclami sulla sicurezza.

"Abbiamo studiato a fondo le affermazioni della signora McClain e la nostra indagine ha concluso che il suo posto di lavoro era sicuro e che non era stata infettata da alcun materiale virologico mentre era impiegata dalla Pfizer", ha detto.

Ha detto che l'OSHA ha anche esaminato le affermazioni della signora McClain e ha trovato il suo posto di lavoro sicuro.

Stephen J. Fitzgerald, uno degli avvocati della signora McClain, ha detto di averle consigliato di non parlare con i giornalisti perché il caso stava continuando. Restano da liquidare i danni punitivi. E la Pfizer dovrebbe chiedere al giudice di ribaltare il lodo della giuria.

Jeremy Gruber, presidente del Council for Responsible Genetics, un gruppo di difesa che sollecita la discussione sulle implicazioni etiche della biotecnologia, ha applaudito al premio.

"Personalmente credo che Becky McClain sia davvero il canarino nella miniera di carbone", ha detto. I regolamenti "non hanno tenuto il passo con l'esplosione della ricerca".

David Michaels, che è diventato capo dell'OSHA a dicembre, ha detto che stava solo venendo a conoscenza del caso della signora McClain. Ma venerdì ha ammesso che c'erano "molte lacune" negli standard della sua agenzia.

"Nuovi materiali biologici, nanomateriali, ci sono molte cose in cui non abbiamo informazioni adeguate e pensiamo che i lavoratori debbano avere protezione", ha affermato. Ma ha detto che l'amministrazione Obama stava pianificando un nuovo approccio per fare in modo che i datori di lavoro facciano di più per risolvere i loro problemi e ampliando le regole, ad esempio per coprire più agenti infettivi.

Fonte: https://www.nytimes.com/2010/04/03/business/03pfizer.htm

Corvelva

Publish the Menu module to "offcanvas" position. Here you can publish other modules as well.
Learn More.