Obbligo vaccinale: richiesta di documentazione nelle scuole nella fascia 6-16 anni

Obbligo vaccinale: richiesta di documentazione nelle scuole nella fascia 6-16 anni
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

Molti genitori preoccupati ci scrivono per capire come comportarsi con l’obbligo vaccinale sancito dalla legge 119/2017: con questo articolo vogliamo fare chiarezza su questa norma.

L’obbligatorietà vaccinale prevista per 10 vaccini (9 per i nati fino al 2016) comprende la fascia 0-16 anni per quanto riguarda l’aspetto sanzionatorio, ma il ricatto dell’esclusione scolastica si applica solamente per le scuole dell’infanzia, cioè nido e materna.

Infatti dalla scuola primaria in poi, la frequenza scolastica è comunque garantita come si evince in maniera chiara e non interpretabile dalla lettura dell'Art.3 bis della legge 119/2017. Riportiamo l'articolo in questione, nello specifico il comma 5:

"Per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell'infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie, la mancata presentazione della documentazione di cui al comma 3 nei termini previsti comporta la decadenza dall'iscrizione. **Per gli altri gradi di istruzione e per i centri di formazione professionale regionale, la mancata presentazione della documentazione di cui al comma 3 nei termini previsti non determina la decadenza dall'iscrizione ne' impedisce la partecipazione agli esami**.

L’istituto scolastico deve inviare all’Asl di riferimento entro il 10 marzo di ciascun anno l'elenco degli iscritti all'anno successivo, dopodiché l’Asl, al termine delle verifiche, segnala alla scuola i soggetti non in regola con le vaccinazioni e infine il dirigente scolastico è tenuto a richiedere ai genitori dei minori interessati un’integrazione documentale, ossia la documentazione prevista o la formale richiesta di appuntamento vaccinale all'Asl.

ATTENZIONE: qualsiasi richiesta della scuola riguardo lo stato vaccinale del minore, pur essendo normata per legge anche sotto l’aspetto della privacy, non deve e non può ritenersi obbligatoria. Anche qualora non venga consegnato nulla, l’istituto scolastico si limiterà solamente a comunicarlo all’Asl per i loro successivi adempimenti ma non ci possono essere ulteriori ripercussioni per quanto riguarda la frequenza scolastica o l’iscrizione.

N.B. Per chi non l'avesse già fatto, consigliamo di rispondere a qualsiasi comunicazione dell’Asl che venga recapitata tramite raccomandata, iniziando un iter di obiezione attiva alle vaccinazioni indipendentemente dallo stato vaccinale o dalla frequenza scolastica o meno.

Dal momento che nella fascia 6-16 anni l’accesso alla scuola non può essere negato, a nostro avviso non ha alcun senso rispondere alle richieste degli istituti scolastici presentando un'autocertificazione, né tantomeno è opportuno chiedere un appuntamento vaccinale all’Asl se non è vostra intenzione procedere con le vaccinazioni perché, lo ribadiamo, nelle scuole dell’obbligo i minori non potranno essere esclusi dalla frequenza.

Potete scegliere di non consegnare nulla anche nel caso in cui i vostri figli fossero parzialmente vaccinati, semplicemente informando la scuola che preferite rapportarvi direttamente con l’Asl competente mantenendo determinate informazioni riservate.

Nel caso in cui un dirigente scolastico insistesse nelle sue richieste, vi consigliamo di stampare una copia della legge e di mostrargliela. Per cercare di esservi d'aiuto e di supporto vi abbiamo predisposto il PDF della legge 119/2017 con evidenziato l’Art. 3 bis comma 5 e un testo prestampato (modificabile e personalizzabile) per tutti coloro che, pur non volendo consegnare documentazioni sulle vaccinazioni, desiderano comunque mettere per iscritto le loro motivazioni e far presente la criticità della privacy.

Riteniamo che la scelta di non consegnare nulla sia nella fascia di età 6/16 anni comprensibile ed anzi coerente per chi decide di esercitare un'obiezione rispetto agli obblighi imposti sulla salute.

Grazie, Corvelva Staff


Materiale da scaricare

Lettera per dirigenti scolastici fascia 6-16 (formato Word)

Lettera per dirigenti scolastici fascia 6-16 (formato PDF)

Legge 119/2017 con evidenziato l'Art. 3 bis, comma 5