Gli Speciali

Una premessa doverosa va fatta: la Commissione Parlamentare d'Inchiesta "Uranio Impoverito" non nasce su particolare sensibilità dei governanti italiani ma nasce nel 2015 a seguito di un cospicuo numero di casi di militari italiani ammalati con patologie autoimmuni o neoplastiche o deceduti.
Tra loro ricordiamo solo uno dei 2800 casi in cui il Ministero della Difesa e della Salute si sono visti coinvolti per aver cagionato lesioni o morte per la somministrazione obbligatoria troppo ravvicinata e massiccia dei vaccini.

Francesco Rinaldelli, caporale maggiore dell’Esercito Italiano, Alpino di Potenza Picena. Morto nel 2008 a soli 25 anni.
(Sentenza del Tribunale Amministrativo del Friuli Venezia-Giulia)

0
0
0
s2sdefault

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUI CASI DI MORTE E DI GRAVI MALATTIE CHE HANNO COLPITO IL PERSONALE ITALIANO IMPIEGATO IN MISSIONI MILITARI ALL’ESTERO, NEI POLIGONI DI TIRO E NEI SITI DI DEPOSITO DI MUNIZIONI, IN RELAZIONE ALL’ESPOSIZIONE A PARTICOLARI FATTORI CHIMICI, TOSSICI E RADIOLOGICI DAL POSSIBILE EFFETTO PATOGENO E DA SOMMINISTRAZIONE DI VACCINI, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI EFFETTI IMPOVERITO E NANOPARTICELLE ESPLOSIONI DI MATERIALE BELLICO E A EVENTUALI INTERAZIONI.

Molto interessante questa relazione redatta dalla Commissione Parlamentare d'inchiesta in tutte le sue 100 pagine, ma vi trascriviamo una parte molto interessante che va dalla pagina 18 alla 24:

0
0
0
s2sdefault

Alla Cortese Attenzione del Ministro Giulia Grillo, del Presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi Vincenzo D’Anna, del Presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici Dott.ssa Nausicaa Orlandi, ai capogruppo di Camera e Senato e per conoscenza a tutti i Parlamentari della Repubblica Italiana, al Direttore del Servizio MicroCRIBI dell’Università di Padova Professor Gerolamo Lanfranchi, al Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, al Presidente della Regione Veneto Luca Zaia e all’Assessore alla sanità e programmazione socio-sanitaria Luca Coletto

0
0
0
s2sdefault

Vi descriviamo alcuni punti che ci lasciano perplessi, vi anticipiamo che quando abbiamo iniziato queste analisi, dalle metagenomiche alle attuali chimiche, avevamo tante domande e cercavamo solo risposte... con i primi risultati abbiamo ancora più domande e soprattutto preoccupazioni!

L’indagine quali-quantitativa di composti organici riveste molta importanza in campo farmacologico. Esistono potenziali problemi di sicurezza derivanti dai nuovi processi di produzione e dalle complesse caratteristiche strutturali e biologiche dei prodotti.

0
0
0
s2sdefault

Vi riportiamo integralmente lo scambio di email tra Corvelva (qui il link della eMail inviata ad EMA) ed EMA in realzione alle recenti analisi (qui il link delle analisi). Alla risposta ottenuta seguono le nostre considerazioni.
Sarà ora nostra cura dare seguito, richiedendo le basi scientifiche supportate da studi clinici e pubblicazioni a supporto delle considerazioni di assenza di rischio che ci hanno riportato.

0
0
0
s2sdefault

Iscriviti alla Newsletter

© Copyright 2017-2018 Corvelva - Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà delle Vaccinazioni - All Rights Reserved