DOBBIAMO TEMERE IL MORBILLO CHE CREA AMNESIA IMMUNITARIA?

DOBBIAMO TEMERE IL MORBILLO CHE CREA AMNESIA IMMUNITARIA?

Di Tetyana Obukhanych, Ph.D.

Il morbillo sopprime il sistema immunitario attraverso l'amnesia immunitaria? Facciamo un po 'di "verifica dei fatti".

Nel 2002, il dott. Peter Aaby e coautori hanno pubblicato uno studio condotto nelle zone rurali del Senegal, nell'area in cui si è verificato un focolaio di morbillo. Secondo lo studio: "Nessun indice o caso secondario di morbillo è morto nella fase acuta dell'infezione e nessuno dei bambini esposti al morbillo è morto nei primi 2 mesi dopo l'esposizione". (E dato ciò che sappiamo dalla pubblicazione Lancet Global Health del 2015, identificando la carenza di vitamina A come fattore di rischio per la mortalità da morbillo, possiamo tranquillamente presumere che forse i bambini in quest'area non fossero così carenti di vitamina A, come i bambini di altre parti dell'Africa e dell'Asia, dove è noto che l'infezione da morbillo provoca un'alta mortalità.)

Il dottor Aaby e i coautori stavano testando un'ipotesi comunemente diffusa secondo cui dopo la sopravvivenza del morbillo, i bambini avrebbero avuto un tasso di mortalità più elevato da altre infezioni a causa della soppressione immunitaria a lungo termine, che si pensa segua il morbillo. Ma hanno ottenuto i risultati opposti. In effetti, hanno scoperto che: "I bambini esposti che sviluppano il morbillo clinico hanno avuto una mortalità aggiustata per età inferiore nei successivi 4 anni rispetto ai bambini esposti che non hanno sviluppato morbillo clinico".

Perché allora tutta questa recente isteria sul morbillo con conseguente amnesia immunitaria, come se ti uccidesse?

Ci sono alcune pubblicazioni di ricerca che sono state raccolte dai media o citate da altre pubblicazioni di ricerca per alimentare inutilmente queste paure.

Diamo un'occhiata alla pubblicazione PLoS Pathology 2012 intitolata "Soppressione immunitaria del morbillo: lezioni dal modello di macaco".

I ricercatori affermano: “Qui mostriamo che la MV infetta preferenzialmente i linfociti T a memoria CD45RA (-) e i linfociti B follicolari, causando alti livelli di infezione in queste popolazioni. Dopo il picco di viremia I linfociti con infezione da MV sono stati eliminati in pochi giorni ... I nostri risultati indicano una clearance immuno-mediata dei linfociti T con memoria CD45RA (-) infetti da MV e linfociti B follicolari, che provoca amnesia immunologica temporanea. "

OK, qui abbiamo un'infezione preferenziale dei linfociti della memoria da parte del virus del morbillo con conseguente perdita temporanea della memoria immunologica. E allora? Quando è mai stato dimostrato che la memoria immunologica ha qualcosa a che fare con la protezione dalla reinfezione?
In effetti, è stato dimostrato il contrario dalla ricerca condotta nel laboratorio dello scienziato svizzero Dr. Rolf Zinkernagel, che ha vinto il Premio Nobel nel 1996. Nel titolo della sua recensione del 2012, afferma chiaramente: “La memoria immunologica non equivale a immunità protettiva."

Inoltre, il virus varicella (varicella) fa esattamente la stessa cosa del virus del morbillo: infetta i linfociti della memoria, come rivelato in un altro documento di ricerca pubblicato su PLoS Pathology nel 2013: “Durante la viremia il virus ha preferibilmente infettato le cellule T della memoria, inizialmente cellule T di memoria centrale e successivamente cellule T di memoria effettrice ".

Eppure, nessuno sta urlando dai tetti che la varicella ti farà morire per il prossimo raffreddore che contrarrai. Forse sarebbe una bugia troppo ovvia per tutti i sopravvissuti alla varicella che non ricordano di aver sofferto di alcun tipo di immunosoppressione, nonostante il fatto che il virus della varicella abbia infettato le loro cellule T della memoria. Ma poiché la generazione del vaccino-morbillo ha quasi completamente sostituito la generazione del morbillo naturale, i media possono cavarsela diffondendo tali paure senza buon senso per fermarle.

Un altro articolo pubblicato recentemente su Science si intitola "L'infezione da virus del morbillo riduce gli anticorpi preesistenti che offrono protezione da altri agenti patogeni".

"Anticorpi che offrono protezione"? Fermiamoci un momento proprio qui. Quando è stato mai dimostrato che gli anticorpi offrono protezione? In effetti, è stato osservato il contrario. Non ricordiamo un altro famoso immunologo e un vincitore del Premio Nobel del 1960, Sir Macfarlane Burnet, che ci diceva quanto segue riguardo al ruolo degli anticorpi (o meglio alla loro mancanza) per l'immunità nei bambini a cui mancava la produzione di anticorpi a causa di una condizione genetica chiamata agammaglobulinemia:

"Con sorpresa di tutti [i bambini con agammaglobulinemia] hanno mostrato un normale decorso del morbillo con un'eruzione cutanea tipica che è sbiadita al momento normale ed è stata seguita da un'immunità sostanziale contro la reinfezione come sarebbe mostrata da qualsiasi altro convalescente. La produzione di anticorpi non è quindi necessaria né per il recupero da né per lo sviluppo dell'immunità al morbillo. "(Burnet and White. Natural History of Infectious Disease. Cambridge University Press, 1940)

E non sappiamo di un documento moderno che dimostri che i professionisti medici con titoli anticorpali positivi per il morbillo possono ancora sviluppare il morbillo:

“I dipendenti ospedalieri che lavorano nelle aree di cura dei pazienti da luglio a novembre 1990 sono stati sottoposti a screening per i livelli di anticorpi del morbillo utilizzando un test immunoenzimatico disponibile in commercio (EIA). Quattro operatori sanitari vaccinati in passato hanno sviluppato il morbillo. Tutti avevano anticorpi positivi per il morbillo pre-malattia"

Quindi a chi importa cosa sta succedendo temporaneamente con gli anticorpi che si legano ad altri agenti patogeni dopo l'infezione da morbillo?

Un vero correlato di protezione non è il livello di anticorpi che si legano ai patogeni ma i titoli di siero che neutralizzano i virus. Questi sono misurati con una tecnica chiamata neutralizzazione della riduzione della placca (plaque-reduction neutralization), che è abbastanza diversa da come vengono rilevati gli anticorpi. Se misurati fianco a fianco usando gli stessi campioni di siero di animali da ricerca, le misure di neutralizzazione dei virus e i titoli di legame con gli anticorpi non seguono lo stesso modello nel tempo e quindi non misurano la stessa entità.

Prima di iniziare nel panico sugli effetti dimostrati dell'infezione del morbillo sulla perdita temporanea della memoria immunologica o sui livelli diminuiti di anticorpi anti-virus, chiediamoci: comprendiamo fino in fondo le basi biologiche dell'immunità dalla reinfezione virale? La scienza è davvero settata, qui? Perché non mi sembra.

Nel corso dell'ultimo secolo, la teoria immunologica ha vacillato avanti e indietro tra la visione dell'immunità basata sulle cellule rispetto a quella umorale. Quel dibattito è stato inutile, perché la maggior parte della ricerca immunologica è stata condotta con sostanze immunogene non infettive che non sono state in grado di testare realmente la teoria in azione.

Nel 1942, il Dr. Merrill Chase postulò che l'immunità poteva essere trasferita con cellule immunitarie da animali immunizzati ad animali naïf.

Nel 1995, la ricerca del Dr. Zinkernagel ha confutato che, dimostrando che il trasferimento immunologico delle cellule della memoria non conferiva protezione, quando gli animali sono stati quindi sfidati con un virus. Ma il trasferimento di siero da animali immunitari ha conferito protezione, cosa che per il Dr. Zinkernagel implicava che l'immunità protettiva si trova negli anticorpi derivati ​​dal siero.

Eppure, negli anni '40, il dottor Burnet sapeva già che non poteva essere così, a causa delle sue osservazioni cliniche in pazienti agammaglobulinemici che non avevano anticorpi, ma che potevano generare immunità a una malattia infantile, come il morbillo.

Quindi, che cos'è: a base cellulare, a base di anticorpi o nessuno dei due? E cosa manca al quadro?

E ciò che manca nel dibattito immunologico è un fattore derivato dalle cellule chiamato Transfer Factor. La TF fu scoperta negli anni '50 da Henry Sherwood Lawrence.

Nel 1980, un articolo di ricerca clinica fondamentale è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine, dimostrando che la TF somministrata a bambini con leucemia in uno studio in doppio cieco con soluzione salina controllata con placebo li ha protetti dalla varicella durante i 12-30 mesi del follow-up .

In questo studio clinico, la TF è stata preparata estraendo (dializzando) da leucociti di donatori che avevano una storia di varicella. I ricercatori hanno dovuto uccidere quei leucociti per estrarne il TF. E molto probabilmente, quelli erano i linfociti della memoria che contenevano TF, poiché doveva essere ottenuto da persone che avevano già la varicella.

Torniamo alla propensione nota del virus del morbillo a infettare e uccidere i linfociti della memoria. Potrebbe essere che invece di renderti meno immune uccidendo i linfociti della memoria, l'infezione da morbillo ti renderebbe più immune uccidendo i linfociti della memoria, a causa del rilascio di TF da tutti quei linfociti della memoria uccisi nel flusso sanguigno? Gli scienziati hanno misurato i livelli del TF sierico rispetto alle infezioni precedentemente riscontrate prima e dopo il morbillo, come hanno fatto per gli anticorpi? Scommetto di no. Perché ciò metterebbe fine alla diffusione del panico. E ciò non sarebbe positivo per il business dei vaccini e per i mandati dei vaccini.

E affrontiamo ancora un altro aspetto dei linfociti della memoria. Un sottoinsieme di essi (memoria Th2) è noto per essere un serbatoio immunologico per malattie atopiche / allergiche, incluso l'asma. In effetti, è stato anche proposto in una pubblicazione del 2006 sulla rivista Pharmacologic Theory che i farmaci sono necessari per colpire e uccidere queste fastidiose cellule di memoria Th2, al fine di ridurre il loro contributo all'asma.

E se i virus del morbillo e della varicella già fanno proprio questo - uccidono le cellule T della memoria - non dovrebbe comportare un rischio ridotto di asma e altre malattie atopiche? Anzi, dovrebbe. E qui ci sono alcune pubblicazioni che documentano tali effetti per il morbillo in Africa e in Europa e per la varicella negli Stati Uniti.

Rileggiamo la conclusione dello studio del Dr. Aaby e lasciamolo affondare: "I bambini esposti che sviluppano il morbillo clinico hanno avuto una mortalità aggiustata per età nei prossimi 4 anni rispetto ai bambini esposti che non hanno sviluppato morbillo clinico".

Avete ancora paura?



fonte: http://www.tetyanaobukhanych.com/blog/should-you-be-afraid-that-measles-gives-you-immune-amnesia