Disturbi neuromotori infantili trattati con acqua minerale ricca di silice: un caso clinico

Disturbi neuromotori infantili trattati con acqua minerale ricca di silice: un caso clinico

Tullio Grassi
Faculty Specialist, Dept. of Physics, University of Maryland, USA
2019


Abstract

Precedenti lavori hanno dimostrato i benefici del bere acqua minerale ricca di silice da parte di pazienti con diagnosi di specifiche malattie neurologiche. Il meccanismo suggerito è che l'acqua ricca di silice facilita la rimozione dell'alluminio dal corpo e dal sistema nervoso. Questo rapporto descrive il caso di un bambino con un mix di sintomi neurologici e motori che sono molto diminuiti bevendo acqua ricca di silice per un periodo inferiore a un anno. Questi miglioramenti mostrano anche una correlazione con i risultati dell’EEG. È inclusa anche una discussione sulle potenziali fonti di alluminio a cui il bambino è stato esposto.


Caso clinico

Un bambino maschio precedentemente sano, tra i tre o quattro anni di età, ha iniziato a presentare i seguenti sintomi: movimento ripetuto della testa a sinistra e a destra come per dire "no", dolore nelle gambe senza motivo apparente, tosse cronica durante il sonno senza sintomi di raffreddore o di malattia da reflusso gastroesofageo. Questi sintomi non erano di sufficiente preoccupazione da segnalare ai medici.

Quando il bambino ha raggiunto i 52 mesi di età, compaiono nuovi, altri sintomi gravi inclusi episodi di movimenti involontari di tutto il corpo e crisi di assenze che includevano il non rispondere alle parole e apparire confuso o annebbiato. Ognuno di questi episodi in genere avevano una durata inferiore di un minuto.

Il bambino è stato portato al pronto soccorso di un ospedale universitario pediatrico in Svizzera. La famiglia aveva videoregistrato i movimenti e questi sono stati mostrati ai medici.

I movimenti involontari di tutto il corpo erano di due tipi: un tipo era il camminare in modo ripetitivo, mentre faceva movimenti anomali di mani, braccia, piedi. L'altro tipo succedeva quando il bambino era a letto o su una superficie piana simile. In questo tipo, il movimento iniziava da una posizione in ginocchio o sui gomiti, poi il bambino si spingeva improvvisamente con le gambe facendo un piccolo salto orizzontale e colpendo spesso con la testa gli ostacoli davanti a lui.

Non esiste una storia familiare di disturbi neurologici. Ai due genitori e ai quattro nonni del bambino non sono mai stati diagnosticati disturbi neurologici.

Dopo la comparsa di sintomi più gravi, questi sintomi sono stati osservati e registrati più attentamente in un quaderno. Sono state osservate le seguenti tre ulteriori anomalie:

  1. Durante il sonno il bambino ha avuto scuotimenti e tremori di parti del corpo, i tremori non erano visibili ad occhio, ma erano molto evidenti toccando il bambino, e questi tremori in genere succedevano a raffiche;
  2. Mentre era sveglio, per un periodo inferiore a un minuto, il bambino non ha risposto alle parole e non ha ricordato parole piacevoli che gli venivano dette (la parola "cioccolato" era normalmente utilizzata);
  3. Mentre era sveglio, per un periodo inferiore a un minuto, aveva strane espressioni sorridenti senza una ragione apparente.

Gli ultimi due sintomi osservati quando il bambino era sveglio sembrano simili alle crisi di assenza. Durante un periodo di 24 ore il bambino ha avuto una media di circa sette episodi involontari su tutto il corpo e una quantità maggiore di episodi con le altre anomalie. Nei mesi successivi il bambino è stato in grado di spiegare che durante questi episodi, le sue braccia o le gambe si muovevano da sole e questo non gli piaceva; al contrario gli piaceva scuotere la testa a sinistra e a destra. Quando ebbe una strana espressione sorridente, lui ha negato che stesse sorridendo. Durante il periodo massimo dei sintomi (età 52 e 53 mesi) il bambino ha mostrato un aumento della stanchezza e problemi di perdita dell'equilibrio quando camminava, correva, giocava, nei momenti in cui apparentemente lui non aveva gli episodi precedentemente descritti. Gli episodi erano rari quando il bambino era concentrato su un compito che gli piaceva.

È stato fatto un video-EEG (video- elettroencefalogramma) di 40 minuti 3 giorni dopo la visita al pronto soccorso e ha rivelato un profilo epilettiforme (onde a punta nella parte posteriore sinistra del cervello).

Il rapporto iniziale dal dipartimento di neurologia li ha descritti come epilessia focale. Cinque giorni dopo, è stato realizzato un video-EEG di 18 ore. I rapporti di questi due EEG erano concordi. Tuttavia, analisi successive delle registrazioni video effettuate durante gli EEG hanno mostrato che gli eventi delle onde a picchi non corrispondevano a qualsiasi movimento anomalo del corpo. A questo punto l'ipotesi dell'epilessia focale è stata scartata. La risonanza magnetica (MRI) non ha mostrato alcuna anomalia. Test e colture dirette di tamponi di sangue, urine, gola sono stati eseguiti al fine di indagare su un'ipotesi di PANDAS. I test non hanno rivelato alcun segno di infezione (compresi i gruppi di streptococco A, C, G) e non hanno mostrato anomalie con i recettori anti-NMDA. I neurologi infantili di tre diversi ospedali hanno visto il bambino e i risultati del test. Sono stati tutti d'accordo sul fatto che il bambino aveva uno o più disturbi neurologici e hanno valutato varie malattie tra cui l’epilessia, il PANDAS, tic complessi, movimenti stereotipati, ma non confermarono nessuna di queste diagnosi.

È stato introdotto un cambiamento nella dieta, sostituendo tutta l’acqua di rubinetto possibile con acqua minerale ricca di silice, sulla base di risultati positivi con questo tipo di acqua minerale su varie malattie neurologiche. 1,2 Le acque minerali utilizzate per questo caso erano prima il marchio Carrefour disponibile in commercio Eau d'Auvergne, ora non più disponibile, e il secondo Volvic, entrambi con un contenuto di 32 mg / Lt di silice (SiO2).

I familiari hanno somministrato l'acqua ricca di silicio il più possibile, tuttavia quando il bambino era all'asilo

o a scuola (circa 9 ore al giorno, nei normali giorni di scuola) lui ha continuato a bere acqua di rubinetto. Il bambino ha mantenuto questo modello di assunzione di acqua fino ad oggi. Quando il bambino ha iniziato a bere acqua minerale ricca di silice aveva anche smesso di bere formule per bambini e aveva iniziato una dieta più varia. Dopo due mesi di questi cambiamenti nella dieta, i sintomi del bambino hanno iniziato a diminuire. Dopo otto mesi di questa nuova dieta, i movimenti involontari di tutto il corpo erano ridotti dal valore iniziale di circa 50 a settimana a circa 5 a settimana (Fig. 1). Una riduzione simile è stata osservata per gli altri sintomi, tra cui la tosse cronica e la frequenza delle crisi di assenza.

Fig. 1: Evoluzione nel tempo delle escrezioni di alluminio ed episodi di movimenti involontari di tutto il corpo. L’EEG a 52 mesi di età ha mostrato anomalie epilettiformi. L’assunzione di acqua ricca di silice è iniziata a 52,5 mesi. L’EEG a 64 mesi ha mostrato risultati normali (nessuna anomalia).

Sono state eseguite diverse analisi delle urine per misurare la quantità di alluminio escreto. I risultati vengono tracciati nella figura. Il diagramma mostra che il contenuto di alluminio nell’urina è diminuito a un livello inferiore alla capacità di rilevazione del laboratorio. Questa tendenza segue la diminuzione dei disturbi neurologici del bambino. Un altro EEG è stato eseguito all'età di 64 mesi ed era normale (nessuna anomalia). Il bambino non ha mai usato alcun farmaco neurologico e non ha mai fatto uso regolarmente di farmaci in genere.


Discussione

Per questo caso, non è stato possibile formulare una chiara diagnosi basata su malattie documentate, e questo ha motivato ulteriori indagini. La letteratura medica 4,5 e l'esperienza clinica dimostrano che non è raro avere disturbi neurologici che compaiono nei bambini intorno ai 5 anni di età, e gradualmente diminuiscono durante l'adolescenza. In questo caso, i sintomi sono stati notevolmente ridotti in meno di un

anno. Questa evoluzione relativamente veloce suggerisce che l'accumulo di alluminio provoca neuro-disturbi e che bere acqua ricca di silice può curare questi disturbi. L'alluminio non ha un ruolo utile negli esseri umani e negli animali ed è un noto elemento neurotossico. 3

Questo caso clinico mostra che l'alluminio era presente nel corpo e implica che l'acqua ricca di silicio ha facilitato la rimozione di parte di esso. Durante questo processo di rimozione, i neuro-disordini del bambino, la tosse cronica e i risultati degli EEG sono migliorati. Un'altra implicazione è che la tosse cronica di questo caso sembra essere di origine neurologica, 6 in quanto le altre cause comuni (raffreddore, malattia da reflusso gastroesofageo) non corrispondevano ai sintomi.

Sono state esaminate le potenziali fonti di alluminio a cui il bambino era stato esposto. Fonti di alluminio riportate in la letteratura sono: l’acqua di rubinetto, 7   formule per bambini, 8 altri alimenti trasformati, i vaccini. 3,10 Di queste potenziali fonti, l’acqua di rubinetto della casa in cui il bambino ha vissuto è stato testato e ha mostrato un contenuto di alluminio di 6,8 μg / l, il che è dentro il limite permesso per legge e questo contenuto esclude l'acqua del rubinetto dalle fonti significative di alluminio. L'unico cibo trasformato che assumeva regolarmente erano le formule per bambini (Marchio Aptimal). Mitkus et al.11 hanno stimato il carico corporeo di alluminio durante i primi 400 giorni di vita per i neonati con diete a base di formula e per un programma di vaccinazione standard, e le stime mostrano che il carico di alluminio dalle vaccinazioni superano quelle dalle fonti alimentari. 11 Le vaccinazioni del bambino contenenti alluminio erano: Infanrix

DTPa-IPV + Hib (4 dosi a 500 μg di alluminio per dose), Prevenar 13 (3 dosi a 125 μg di alluminio per dose),

NeisVac-C Baxter (1 dose a 500 μg di alluminio per dose). Il bambino è stato anche vaccinato con Priorix (2 dosi) ma questo vaccino non contiene un adiuvante di alluminio.

Sono state testate per l'alluminio le formule Aptimal First Milk in polvere per neonati ed è trovato che portano all’assunzione di 124 μg di alluminio al giorno in media. 8 Sono state testate anche le formule per bambini in polvere Aptimal Follow On che portano all'ingestione di 137 μg di alluminio al giorno in media. 8

A differenza delle vaccinazioni che sono biodisponibili al 100%, è stimato in media che venga assorbito dall'intestino e reso biodisponibile per il corpo di un bambino solo lo 0,2% (da 0,25 a 0,27 μg) di alluminio al giorno da queste formule Aptimal. 12

Dopo quattro anni con queste formule per neonati il bambino ha assorbito circa 390 μg di alluminio, mentre la quantità totale di alluminio aggiunta al corpo del bambino con le vaccinazioni sono stimate essere 2875 μg.


Conclusioni

Il caso presentato suggerisce che l'alluminio può essere una causa di intossicazione infantile. Inoltre, mostra che l'acqua minerale ricca di silice può essere utilizzata come trattamento per questi casi.


Fonte di finanziamento: nessuna.

Conflitti di interesse: nessuno.


Bibliografia

  1. Exley C, Mamutse G, Korchazhkina O, Pye E, Strekopytov S, Polwart A, et al.
    Elevated urinary excretion of aluminium and iron in multiple sclerosis.
    Mult Scler 2006;12(5):533–40.
  2. Davenward S, Bentham P, Wright J, Crome P, Job D, Polwart A, et al.
    Silicon-rich mineral water as a non-invasive test of the “aluminum hypothesis” in Alzheimer’s disease. J Alzheimers Dis 2013;33(2):423–30.
  3. Shaw CA, Tomljenovic L.
    Aluminum in the central nervous system (CNS): toxicity in humans and animals, vaccine adjuvants, and autoimmunity.
    Immunol Res 2013;56(2–3):304– 16.
  4. Gillberg IC, Gillberg C, Groth J.
    Children with preschool minor neurodevelopmental disorders. V: Neurodevelopmental profiles at age 13.
    Dev Med Child Neurol 1989;31(1):14–24.
  5. Groth C.
    Tourette syndrome in a longitudinal perspective. Clinical course of tics and comorbidities, coexisting psychopathologies, phenotypes and predictors.
    Dan Med J 2018;65(4).
  6. Niimi A, Chung KF.
    Evidence for neuropathic processes in chronic cough.
    Pulm Pharmacol Ther 2015;35:100–4.
  7. Rondeau V, Commenges D, Jacqmin-Gadda H, Dartigues J-F.
    Relation between Aluminum Concentrations in Drinking Water and Alzheimer’s Disease: An 8-year Follow-up Study.
    Am J Epidemiol 2000;152(1):59–66.
  8. Chuchu N, Patel B, Sebastian B, Exley C.
    The aluminium content of infant formulas remains too high.
    BMC Pediatr 2013;13:162.
  9. Sato K, Suzuki I, Kubota H, Furusho N, Inoue T, Yasukouchi Y, et al.
    Estimation of daily aluminum intake in Japan based on food consumption inspection results: impact of food additives.
    Food Sci Nutr 2014;2(4):389–97.
  10. Shardlow E, Mold M, Exley C.
    Unraveling the enigma: elucidating the relationship between the physicochemical properties of aluminium-based adjuvants and their immunological mechanisms of action.
    Allergy Asthma Clin Immunol 2018;14:80.
  11. Mitkus RJ, King DB, Hess MA, Forshee RA, Walderhaug MO.
    Updated aluminum pharmacokinetics following infant exposures through diet and vaccination. Vaccine 2011 Nov 28;29(51):9538–43.
  12. Yokel RA, McNamara PJ.
    Aluminium toxicokinetics: an updated minireview.
    Pharmacol Toxicol 2001;88(4):159–67.

Come citare questo articolo: Grassi T. Childhood neuro-motor disorders treated with silica-rich mineral water: A case report. J Prev Med Holistic Health 2019;5(1):70-72.


Fonte: http://doi.org/10.18231/j.jpmhh.2019.013