Esposizione al paracetamolo prenatale e neurosviluppo infantile: una revisione

Esposizione al paracetamolo prenatale e neurosviluppo infantile: una revisione

Hormones and Behavior
Bauer AZ, Kriebel D, Herbert MR, Bornehag CG, Swan SH
2018


Abstract

Il paracetamolo (acetaminofene, APAP) non soggetto a prescrizione medica è attualmente raccomandato come trattamento sicuro per il dolore e la febbre durante la gravidanza. Tuttavia, studi recenti suggeriscono una possibile associazione tra l'uso di APAP in gravidanza e il neurosviluppo della prole.

Obiettivi: Per condurre una revisione delle pubblicazioni che riportano le associazioni tra l'uso APAP prenatale e gli esiti dello sviluppo neurologico della prole.

Metodi: Fonti rilevanti sono state identificate attraverso una ricerca di parole chiave di più database (Medline, CINAHL, OVID e TOXNET) nel settembre 2016. Tutti gli studi osservazionali in inglese sulla gravidanza APAP e tre classi di esiti dello sviluppo neurologico (disturbo dello spettro autistico (ASD), deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e quoziente intellettivo (QI) sono stati inclusi. Un revisore (AZB) ha esaminato tutti i titoli e gli abstract, ha estratto e analizzato i dati.

Risultati: Sono stati recuperati 64 studi e 55 non erano ammissibili. Nove studi di coorte prospettici hanno soddisfatto tutti i criteri di inclusione. Il pooling dei dati non era appropriato a causa dell'eterogeneità dei risultati. Tutti gli studi inclusi suggerivano un'associazione tra esposizione APAP prenatale e esiti dello sviluppo neurologico; ADHD, ASD o QI inferiore. Una maggiore durata dell'uso di APAP è stata associata ad un aumento del rischio. Le associazioni erano più forti per iperattività e risultati correlati all'attenzione. È stata segnalata una modesta modifica delle associazioni mediante indicazione per l'uso.

Conclusioni: insieme, questi nove studi suggeriscono un aumento del rischio di esiti avversi dello sviluppo neurologico dopo esposizione APAP prenatale. Ulteriori studi sono urgentemente necessari con; indicazione precisa dell'uso e valutazione dell'esposizione dell'uso sia in utero che nella prima infanzia. Alla luce dei risultati attuali, le donne incinte dovrebbero essere avvertite contro l'uso indiscriminato di APAP. Questi risultati hanno implicazioni sostanziali per la salute pubblica.


Conclusioni

Ci sono stati risultati coerenti nei nove studi prospettici di coorte, entro cinque coorti, che suggeriscono risultati avversi dello sviluppo neurologico nei bambini dopo l'uso di APAP in gravidanza. Questi risultati suggeriscono che l'APAP altera maggiormente il neurosviluppo in relazione a funzioni iperattive e di attenzione. Il maggior rischio di sintomi di ASD e ADHD sembra derivare da un'esposizione prolungata alla fine della gravidanza. I rischi relativamente modesti possono essere il risultato di confusione residua, ma l'identificazione di gradienti dose-risposta, effetti trimestrali, specificità per APAP, plausibilità biologica e risultati che mostrano associazioni non sono confusi dall'indicazione per l'uso contro una associazione spuria.
La febbre in gravidanza ha i suoi rischi associati (Dreier et al., 2014) e attualmente l'APAP è considerata l'opzione migliore per la mitigazione della febbre durante la gravidanza, in particolare nel terzo trimestre quando i FANS sono controindicati (Bloor e Paech, 2013). Tra le popolazioni in questa revisione, l'uso di mitigazione della febbre variava da <5% al ​​37% di uso totale. Mal di testa, emicrania, dolori muscolari, mal di schiena e infezioni, per i quali è stata suggerita una limitata efficacia, hanno rappresentato la maggior parte dell'APAP utilizzato in gravidanza (Stephens et al., 2016; Saragiotto et al., 2016; Jefferies et al. ., 2016; Ennis et al., 2016; Nazarko, 2014) (Appendice C).
Ulteriori studi epidemiologici sono urgentemente necessari con valutazione precisa dell'esposizione, indicazione dell'uso e dati precisi sui tempi di utilizzo sia in utero che nella prima infanzia. Si dovrebbe prendere in considerazione l'uso di modelli di esposizione multipla per studiare le interazioni tra gene-ambiente e ambiente-ambiente. Sono necessari ulteriori studi per eliminare i meccanismi biologici sottostanti e sviluppare anestetici più sicuri.
La ricerca sull'esposizione infantile all'APAP dovrebbe essere una priorità assoluta. Senza la protezione offerta dal fegato e dalla placenta della madre, altre neurotossine come il piombo e l'arsenico pongono il loro maggior rischio neurologico, non dall'esposizione prenatale ma piuttosto dall'esposizione diretta al bambino (Rodriguez-Barranco et al., 2013; Heyer e Meredith , 2016). La maggior parte dei bambini negli Stati Uniti riceve almeno un farmaco in una determinata settimana, con APAP, di gran lunga il più comune di questi (Vernacchio et al., 2009). È stato dimostrato che l'APAP riduce la risposta anticorpale agli antigeni vaccinali fornendo evidenza di influenza sulla risposta immunitaria infantile (Prymula et al., 2009). Vi è una prova debole ma suggestiva di un'associazione APAP-ASD da un piccolo studio caso-controllo sull'uso dopo la vaccinazione morbillo-parotite-rosolia (Schultz et al., 2008) e una serie di ulteriori studi, che insieme suggeriscono una possibile relazione con APAP al momento della circoncisione maschile (Bauer e Kriebel, 2013; Frisch and Simonsen, 2015; Raz et al., 2015; Ben Chaim et al., 2005; Yegane et al., 2006)
Le donne incinte dovrebbero essere avvertite contro l'uso indiscriminato di questo farmaco. L'esposizione all'APAP è talmente comune che le implicazioni sulla salute pubblica di una modesta elevazione del rischio neurodivolatorio avverso sono notevoli.