Kampf dem Dampf: come la Pfizer si è comprata gli attivisti della lotta al tabacco

Kampf dem Dampf: come la Pfizer si è comprata gli attivisti della lotta al tabacco

In breve: il settimanale Spiegel, il 23 agosto ha fatto uscire un’inchiesta che mostra come la Pfizer ha pagato un’associazione per la lotta al fumo al fine di contrastare le sigarette elettroniche. Perché? Ma è ovvio: la Pfizer guadagna troppo bene dalla vendita di tutti i tipi di prodotti contenenti nicotina per aiutare i fumatori a smettere e le sigarette elettroniche stavano aumentando le vendite, per cui diminuivano i dipendenti da nicotina, meno guadagni per Pfizer che doveva “curarli”.

La Non-Smoking Action Alliance (ABNR) è un'associazione di undici grandi organizzazioni sanitarie non governative della Germania, che raggruppano le loro attività politiche nel campo della "promozione del non-fumo e nell’informazione sui pericoli del fumo passivo". Il progetto ABNR comprende il "Tobacco Prevention Network Office", una vera e propria alleanza contro la dipendenza da tabacco.
Tra i membri di ABNR troviamo il German Medical Association, il German Cancer Research Center di Heidelberg e importanti associazioni di medici specialisti del settore cardiaco e polmonare.

La leader di ABNR, la Dr.ssa Martina Pötschke-Langer, è cresciuta nel temo portando avanti aspre battaglie ed è divenuta l’attivista per eccellenza contro il fumo delle sigarette.
Più recentemente, tuttavia, ha continuato con uno strano furore a combattere contro le sigarette elettroniche che, rispetto al tabacco, sono molto meno dannose e ora si scopre che l'Aktionsbunis Nichtrauchen (ABNR) ha segretamente ricevuto denaro dall'industria farmaceutica Pfizer anni primi del cambio di rotta.

Nota bene: 51% era il tasso di crescita delle sigarette elettroniche nella vendita al dettaglio nel 2017 rispetto all'anno precedente; in tutto il mondo.

Nel 2005 ABNR ha ricevuto una donazione dalla società americana Pfizer di 180.000 euro destinati alla creazione di un ufficio lobby a Berlino e questo è dimostrato dai documenti interni visionati dal Spiegel. Il motivo dell’aver tenuto nascosta la donazione è facilmente immaginabile, la credibilità di ABNR sarebbe stata messa a repentaglio. La donazione non è mai stata divulgata pubblicamente e appare solo in un bilancio interno, senza indicazione dell'origine.

Naturalmente anche l'industria farmaceutica persegue i suoi interessi. Vende tutti i tipi di prodotti contenenti nicotina per aiutare i fumatori a smettere di fumare: cerotti, gomme da masticare e spray, noti con marchi come Nicorette o Nicotinell. Oltre a Pfizer, nel 2005 sono state coinvolte anche aziende come GlaxoSmithKline e Novartis. Le vendite mondiali di sostituti della nicotina sono stimate a poco meno di due miliardi e mezzo di dollari.

Nel frattempo, un farmaco chiamato Champix, che dovrebbe agire direttamente contro la dipendenza da nicotina, sta vendendo molto bene. Il produttore Pfizer è quindi già oltre un miliardo di dollari all'anno, più che con il Viagra e da qui la domanda: un'Alleanza di attivisti e professionisti per la lotta contro il fumo, è capace di azione indipendenti quando a finanziare il suo ufficio di lobbying è l’azienda che più guadagna dalla sua stessa azione di lobbying?

Negli ultimi anni le aziende farmaceutiche che guadagnavano di più dai prodotti a base di nicotina, sono state messe sotto pressione da un’evidente ascesa della sigaretta elettronica. Dal 2013 i fumatori che volevano sfuggire alla dipendenza da tabacco hanno avuto a portata di mano nuovi strumenti: piccoli dispositivi che vaporizzano liquidi aromatizzati, generalmente miscelati con nicotina.

Il consumatore aspira da uno strumento elettronico come con la sigaretta, solo di gran lunga meno pericoloso per la salute perché nelle sigarette elettroniche non viene bruciato nulla, quindi non vengono assunte tutte le sostanze cancerogene che si trovano nel fumo di tabacco.

Sicuramente il vapore inalato dalle sigarette elettroniche non è aria pulita, specialmente se nella miscela esiste la presenza di nicotina, tuttavia la sigaretta elettronica è circa il 95% meno dannosa secondo la stima dell'autorità sanitaria britannica Public Health England. Un gruppo di ricerca guidato dall'economista americano David Levy ha calcolato che cosa accadrebbe se tutti i fumatori negli Stati Uniti si convertissero al vapore. I loro risultati: entro dieci anni si potrebbero evitare fino a 6,6 milioni di morti premature.

Non sorprende quindi che le vendite di prodotti a vapore siano in costante aumento, di oltre il 50% in tutto il mondo nel solo 2017 secondo gli ultimi dati. E laddove più viene usato questo nuovo strumento, di più l'industria farmaceutica soffre economicamente.

In Germania, la sigaretta elettronica è ora l'aiuto più utilizzato per smettere di fumare; il 9% dei fumatori tedeschi l’ha provata per smettere di fumare e solo il 7% ha fatto ricorso alle offerte dell'industria farmaceutica. Inoltre la sigaretta elettronica aiuta quasi il doppio a smettere per sempre di fumare ed è dimostrato da uno studio britannico condotto dal ricercatore indipendente Peter Hajek. 886 fumatori che volevano smettere di fumare sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi: la metà ha ricevuto sigarette elettroniche, gli altri prodotti sostitutivi della nicotina. Dopo un anno il 18% di coloro che avevano utilizzato la sigaretta elettronica aveva completamente smesso di fumare, rispetto al solo 9,9% del gruppo di confronto.

Le dichiarazioni del capo dell'Istituto per la ricerca sulle dipendenze di Francoforte sono state molto positive: "Lo studio di Hajek è metodicamente valido e tra gli esperti è considerato una pietra miliare".

Tuttavia l’ABNR ha continuato a trarre conclusioni peculiare dalle piacevoli scoperte e ha continuato ad attaccare le sigarette elettroniche, come aveva fatto negli anni precedenti

“La sigaretta elettronica deve essere regolata in modo rigoroso quanto il tabacco e con tasse più elevate” si legge in una recente nota dell’ABNR. Solo pochi anni fa, ABNR ha anche battagliato contro la classificazione degli apparecchi a vapore per farli rientrare come prodotti farmaceutici, imponendo così un cambio radicale della tecnologia utilizzata, soprattutto da realizzarsi immediatamente. Essendo il mercato delle sigarette elettroniche composto per la maggior parte da piccoli produttori, con una crescente ma ancora limitata produzione da parte delle industrie farmaceutiche, questo avrebbe reso impossibile per i piccoli affrontare le costosissime procedure di registrazione presso gli enti regolatori.

Allo stato attuale, l'Aktionsbündnis chiede un divieto totale di fare pubblicità alle sigarette elettroniche e questo, se pur considerabile come una legittima posizione, lascia comunque perplessi leggendo le discutibili giustificazioni: “il vapore rovina la giovinezza, è una droga di passaggio per il fumo di sigaretta”. Ovviamente non esistono prove di ciò, e lo afferma anche il ricercatore indipendente Stöver.

Secondo gli ultimi dati del Federal Center for Health Education, nel 2016 solo lo 0,4% dei giovani ha fumato una sigaretta elettronica e per gli adulti quasi tutti hanno precedentemente fumato e hanno iniziato con la sigaretta elettronica per smettere di fumare.

Una cosa che l'ABNR ha raccomandato vivamente fino ad oggi è l'aiuto mediante una terapia per smettere di fumare, terapia che per una pura coincidenza prevede l’utilizzo dei prodotti delle industrie farmaceutiche.

Quando arrivò la grande donazione di Pfizer, la cooperazione era già iniziata ed era così stretta che un rappresentante permanente della società farmaceutica era persino membro del "comitato direttivo" degli Aktionsbündnis. Il comitato direttivo, come saprete bene, è l’organo in cui vengono discusse le iniziative legislative, dove vengono sviluppate le strategie e vengono presi contatti in politica e quindi Pfizer ha ottenuto molto da questa posizione.

Il compito di questo rappresentante di Pifizer era aumentare le vendite della Nicorette. Quando Johnson & Johnson, il concorrente diretto di Pifizer, rilevò l'attività nel 2006, il rappresentante passò anche al nuovo datore di lavoro. Rimase strettamente legato ad ABNR anche anni dopo, fino alla sua uscita nel 2013.

ABNR ribadisce che la sua visione critica verso le sigarette elettroniche è puramente scientifica, dettata dalle evidenze e dal 2009 non ha più ricevuto finanziamenti dall’Industria. Tuttavia alcune istituzioni affiliate continuano a farlo. L'anno scorso i membri dell'ABNR hanno ricevuto più di 360.000 euro solo da Pfizer e GlaxoSmithKline (GSK).

Pfizer dal canto suo ha recentemente registrato un successo spettacolare negli Stati Uniti. Il direttore della FDA Scott Gottlieb, dopo essere entrato in carica nel maggio 2017, è divenuto un potente avversario delle sigarette elettroniche e ha messo in guardia contro una vera "epidemia" della dipendenza da nicotina tra gli adolescenti causata proprio dalle sigarette elettroniche. Ricordiamo che ad aprile di quest’anno, il capo della FDA Gottlieb si è improvvisamente dimesso dal suo incarico - a giugno è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di Pfizer.

Ci sono stati anche strani cambiamenti laterali in questo paese: a maggio 2017, Stefanie Seltmann, confidente del capo dell'ABNR, è diventata direttore delle comunicazioni esterne presso la sede centrale di Pfizer in Germania. In precedenza, Seltmann aveva diretto per anni l'ufficio stampa del German Cancer Research Center.


Fonte: https://www.spiegel.de/plus/warum-die-pharmalobby-die-e-zigarette-bekaempft-a-00000000-0002-0001-0000-000165579742