La caduta di GlaxoSmithKline in Cina

La caduta di GlaxoSmithKline in Cina

Le autorità cinesi hanno giudicato GSK colpevole di aver corrotto sia ospedali che medici per promuovere i loro prodotti in Cina, utilizzando una rete di quasi settecento agenzie di viaggio per pagare medici, organizzazioni sanitarie e funzionari governativi.

art gsk cina 1

SHANGHAI - Agosto 2013, Peter Humphrey era nel bagno del suo appartamento di Shanghai quando la polizia buttò giù la porta e lo sbatté a terra. Quasi due dozzine di poliziotti presero d'assalto la sua casa, confiscato file, laptop e hard disk relativi al suo lavoro di investigatore aziendale.
Il signor Humphrey e sua moglie, Yu Yingzeng, furono portati all'edificio 803, un centro di investigazioni criminali notoriamente squallido, normalmente riservato a contrabbandieri di essere umani, trafficanti di droga e attivisti politici. Privato del sonno e affamato, fu trasferito più tardi quel giorno in un carcere, messo in una cella e legato a una sedia di ferro. Tre ufficiali si sedettero davanti a lui e chiesero risposte.
Il signor Humphrey conosceva la ragione del duro interrogatorio. Lui e la signora Yu lavoravano per GlaxoSmithKline, il produttore farmaceutico britannico sotto inchiesta in Cina per frode e corruzione.

Secondo le autorità cinesi, GSK aveva incanalato nella corruzione circa 3 miliardi di Yen (482 milioni di dollari) attraverso una rete di quasi settecento agenzie di viaggio per pagare medici, organizzazioni sanitarie e funzionari governativi. All'inizio GSK aveva negato qualsiasi coinvolgimento nelle bustarelle ma ammettendo, solo successivamente ad un'indagine interna, che alcuni dirigenti avevano agito in modo indipendente.
Furono in totale 5 i dirigenti GSK arrestati. Mark Reilly, l'amministratore delegato delle operazioni di GlaxoSmithKline in Cina ricevette una sospensione della pena detentiva assieme ad altri 4 alti dirigenti.

La filiale locale di GSK in Cina fu giudicata colpevole di corruzione e multata, la più grande ammenda ad una società mai erogata in Cina (secondo l'agenzia di stampa cinese ufficiale Xinhua) ma poco a confronto del flusso di cassa annuale di GSK, che era di circa 4 miliardi di sterline l'anno.

I funzionari cinesi che emetterono il verdetto ci tennero a sottolineare come il costo delle tangenti fosse passato direttamente ai consumatori cinesi. In altre parole, i medici e il personale medico furono corrotti per vendere i loro prodotti e il costo di tali tangenti fu aggiunto al prezzo dei prodotti che i consumatori pagavano. (BBC News). Secondo un funzionario del ministero della sicurezza cinese, che gli operatori corrotti della GSK ostacolarono le indagini in maniera molto pesante.

Nel 2013 le vendite di GSK sono calate del trenta percento dopo le accusate di corruzione. Ad oggi le vendite di farmaci e vaccini di GSK in Cina è sceso del 61% e quelle dei prodotti per la salute dei consumatori sono calate del 29%.

Quando emersero le accuse di corruzione, la compagnia disattese i cambiamenti sistemici auspicabili e cercò invece di minimizzare i problemi e screditare i suoi accusatori immaginando che i funzionari non avrebbero prestato attenzione ma il materiale a carico della corruzione di GlaxoSmithKline in Cina era troppo abbondante. Lungo la strada c'erano bustarelle, un misterioso sex tape e l'investigatore aziendale Peter Humphrey assunto dalla casa farmaceutica per scavare nel background personale anche di dirigenti governativi.

L'inizio
Tutto è partito da una email anonima che nel gennaio 2013 tracciava una mappa dettagliata della frode nelle operazioni cinesi diretta al consiglio di amministrazione di Glaxo ottenuta dal New York Times assieme ad altro materiale riservato. Scritta in perfetto inglese, l'email era stata organizzata come nota aziendale e sotto l'intestazione "Conference Trip Vacations for Doctors". L'informatore anonimo scrisse a chiare lettere che i professionisti del settore medico cinese avevano ricevuto viaggi e spese interamente pagati da GSK sotto forma di conferenze internazionali. La compagnia copriva i costi dei biglietti aerei e delle camere d'albergo e distribuiva contanti per i pasti e le escursioni turistiche.
In una sezione intitolata "GSK Falsified Its Books and Records to Conceal Its Illegal Marketing Practices in China", l'e-mail spiegava come Glaxo stava proponendo farmaci per usi non approvati. Ad esempio, l'informatore dichiarò che il farmaco Lamictal era stato aggressivamente promosso come trattamento per il disturbo bipolare anche se era stata approvata in Cina solo per l'epilessia.
Glaxo "ha quasi ucciso un paziente commercializzando illegalmente il suo farmaco Lamictal", continuava l'informatore nella email arrivata al Times, "GSK China ha acquistato il silenzio del paziente per $ 9.000."

Dalla prima e-mail che aprì lo scandalo passarono altri 17 mesi e ne seguirono nel frattempo altre due dozzine che l'informatore inviava regolarmente alle autorità di regolamentazione cinesi, ai dirigenti della Glaxo e al revisore della società (PricewaterhouseCoopers).

art gsk cina 2Glaxo ha rifiutato più volte di commentare l'accaduto cinese se non con una nota inviata alla stampa in cui "accettava pienamente i fatti e le prove dell'indagine e il verdetto delle autorità giudiziarie cinesi", si legge in una dichiarazione. "GSK P.L.C. si scusa sinceramente con i pazienti cinesi, i medici e gli ospedali, e con il governo cinese e il popolo cinese ".

Il signor Humphrey e la signora Yu trascorsero due anni in prigione per aver ottenuto illegalmente documenti governativi. Il signor Humphrey passò la sua detenzione in una cella con una dozzina di altri detenuti. Non c'erano letti o altri mobili, solo un bagno aperto e una luce al neon sopra la testa. Humphrey e la moglie furono rilasciati nel luglio 2015.

art gsk cina 3


Cronistoria

  • Dicembre 2011
    Un informatore che lavorava dentro Glaxo invia una e-mail ai regolatori cinesi, specificando le frodi e la corruzione nelle operazioni cinesi del produttore farmaceutico.
    È il primo di circa due dozzine di email inviate in un periodo di 17 mesi.
  • Aprile 2012
    I dirigenti della Glaxo in Cina iniziano a capire che un informatore stà inviando documenti ai regolatori cinesi sostenendo una diffusa corruzione all'interno dell'azienda.
  • Luglio 2012
    La società si dichiara colpevole negli Stati Uniti per le accuse penali di marketing di farmaci impropri e tangenti ai medici. L'amministratore delegato della compagnia, Sir Andrew Witty, promette che "non accadrà mai più".
  • Dicembre 2012
    Vivian Shi, capo del governo per Glaxo in Cina, viene licenziata, presumibilmente per aver falsificato le spese di viaggio. Ma la vera ragione, secondo i documenti interni, è che la signora Shi è sospettata di essere l'informatore.
  • Gennaio 2013
    L'informatore invia un'e-mail di 5.200 parole al presidente di Glaxo, ai dirigenti e al revisore esterno della società.
    L'e-mail, come le precedenti alle autorità, descrive uno schema sistematico di frode e corruzione. Le accuse vengono respinte dalla compagnia come una "campagna diffamatoria".
  • Marzo 2013
    I migliori dirigenti Glaxo a Londra ricevono un'altra email dall'informatore, questa volta citando Mark Reilly, il capo delle operazioni della compagnia in Cina, impegnato in un atto sessuale nel suo appartamento.
  • Aprile 2013
    Glaxo assume ChinaWhys, una società di consulenza privata gestita da Peter Humphrey e sua moglie, Yu Yingzeng, per indagare sul sospetto informatore e un'irruzione nella casa del signor Reilly. L'indagine è in codice "Project Scorpion".
  • Giugno 2013
    Mr. Humphrey presenta i risultati delle sue indagini a Glaxo.
    Sebbene il suo rapporto non offra prove che colleghino la sig.ra Shi alle e-mail, egli nota che il sospetto informatore ha "un track record".
  • Giugno 2013
    La polizia esegue una serie di incursioni coordinate sugli uffici di Glaxo in tutta la Cina, trattenendo quattro dirigenti, incluso il capo legale del paese.
    Diverse agenzie di viaggio che lavorano a stretto contatto con Glaxo sono oggetto di perquisizioni.
  • 10 luglio 2013
    Humphrey e la signora Yu, gli investigatori privati ​​ingaggiati da Glaxo, vengono arrestati dalla polizia.
  • 15 luglio 2013
    In una conferenza stampa a Pechino, i pubblici ministeri accusano i dirigenti senior delle operazioni cinesi di Glaxo di gestire un piano elaborato per corrompere medici e operatori ospedalieri, descrivendolo come una "operazione di crimine organizzato".
  • 16 luglio 2013
    Quattro dirigenti cinesi di Glaxo confessano alla televisione di stato lo schema di corruzione e frode.
  • 18 luglio 2013
    Il capo della finanza di Glaxo non può lasciare la Cina.
  • Agosto 2013
    Mr. Humphrey e la signora Yu sono stati arrestati formalmente a Shanghai.
  • Agosto 2014
    Mr.
    Humphrey e la signora Yu sono condannati per aver ottenuto illegalmente documenti governativi durante le loro indagini societarie, un'accusa che hanno negato. Ciascuno ha scontato due anni di carcere.
  • 19 settembre 2014
    In un processo durato un giorno, il signor Reilly, il capo delle operazioni cinesi di Glaxo, e altri dirigenti aziendali si dichiarano colpevoli di frode e corruzione.
    Glaxo accetta di pagare una multa di $ 500 milioni. Il signor Reilly viene deportato dalla Cina.

 


Fonti: