La scienza: spesso una questione di fede

La scienza: spesso una questione di fede

Database di 18.000 documeni scientifici ritirati ora online

Circa 500-600 articoli sono ritirati ogni anno a causa di cattiva condotta scientifica o errori metodologici. Molte di queste retrazioni sono dovute a dati fabbricati, falsificati o plagiati e a questo si aggiungono migliaia di studi, con centinaia di migliaia di citazioni, non ritirati ma le cui conclusioni sono ormai ritenute obsolete se non del tutto errate. Per esempio esistono quasi 33 mila articoli scientifici, oltre 500 mila citazioni e 11.000 brevetti dal 1955 ad oggi che si riferiscono a colture cellulari "sbagliate", contaminate da altre linee cellulari, come cellule di topo, e non corrispondenti al materiale sul quale i ricercatori pensavano di lavorare. 1

Ad alcune persone piace caratterizzare la scienza come una religione e in questa formulazione gli scienziati sono l'equivalente moderno dei teologi medievali. Consegnano i precetti e i dogmi che ci portano a credere, perché non c'è modo per noi laici di tenere traccia di tutti gli eccitanti risultati e studio che fuoriescono ogni giorno dai laboratori di mezzo mondo.

Ma la scienza non ha, per esempio, un Papa 2 responsabile dello spettacolo. E nemmeno il Concilio Vaticano chiama gli spari, dicendoci cosa credere. Quello che la scienza ha è un metodo per investigare il mondo che ci circonda. Questo metodo ci ha portato la medicina moderna e tutti gli equipaggiamenti high-tech del XXI secolo. Ma il metodo non è infallibile e, con una frequenza allarmante, alcuni di questi entusiasmanti risultati di studio si dimostrano inaffidabili.

Il fatto è che, se fatto bene, la scienza non è affatto una questione di fede. È una questione di dubbio. I Peer researchers 3 dovrebbero essere in grado di replicare i risultati di uno studio. Se non possono, i risultati dello studio sono in dubbio. Se c'è abbastanza dubbio, lo studio viene ritirato. Ma a quel punto potrebbe essere troppo tardi. I risultati dello studio originale sono là fuori, essendo citati e discussi nella comunità scientifica e nella sfera pubblica. Non tutti possono - o lo faranno - prendere il tempo per tornare indietro e ricontrollare che lo studio che stanno citando non è stato ritirato.

Tutto ciò potrebbe tuttavia cambiare, perché il più grande database di ritrattazioni scientifiche è appena stato pubblicato e rende il processo molto più semplice. Il Retraction Watch Database 4 è progettato espressamente per scoprire se un dato studio è ancora valido. La prossima volta che leggi un articolo o senti qualcuno dire "gli studi dimostrano che parlare fa male a te", puoi andare al sito e vedere cosa succede.

Il database è una propaggine di un blog 5 iniziato nel 2010 da due reporter medici, Ivan Oransky e Adam Marcus. Uno dei punti salienti del blog è un elenco dei 10 studi più citati, anche se sono stati ritirati. Il famigerato e da lungo tempo sfatato studio che collega l'autismo alle vaccinazioni 6 è lì, così come un documento del 2013 intitolato "Prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari con una dieta mediterranea".7

Se si mette in discussione la necessità di un tale database, si consideri questo: alcuni studi, come quello che dichiara di aver scoperto una proteina che imita l'insulina, sono stati citati più spesso dopo essere stati ritrattati rispetto a prima.

  1. https://www.sciencealert.com/more-than-30-000-scientific-studies-could-be-wrong-due-to-contaminated-undying-cells
  2. https://people.howstuffworks.com/papacy.htm
  3. https://science.howstuffworks.com/innovation/scientific-experiments/scientific-peer-review.htm
  4. http://retractiondatabase.org/RetractionSearch.aspx?AspxAutoDetectCookieSupport=1
  5. http://retractionwatch.com/
  6. https://www.thelancet.com/pdfs/journals/lancet/PIIS0140-6736(97)11096-0.pdf
  7. https://elifesciences.org/articles/21718