Il Giappone è all'avanguardia: nessun obbligo vaccinale e nessun vaccino MMR = bambini più sani

Il Giappone è all'avanguardia: nessun obbligo vaccinale e nessun vaccino MMR = bambini più sani

Negli Stati Uniti, molti legislatori e funzionari della sanità pubblica sono impegnati a cercare di rendere i vaccini di fatto obbligatori- - o rimuovendo la possibilità di scelta genitoriale / personale data dalle esenzioni per i vaccini già esistenti o imponendo inutili quarantene e multe a coloro che non si conformano ai Centri per il controllo delle malattie di prevenzione vaccinale (CDC). I funzionari in California stanno cercando di ignorare l'opinione medica sull'idoneità alla vaccinazione, mentre quelli di New York stanno richiedendo il vaccino contro il morbillo-parotite-rosolia (MMR) per bambini di 6-12 mesi per i quali la sicurezza e l'efficacia "non sono state stabilite".

Gli Stati Uniti hanno il più alto tasso di mortalità infantile di tutti i paesi industrializzati, con più bambini americani che muoiono alla nascita e nel loro primo anno di vita più che in qualsiasi altra nazione comparabile- -e più della metà di quelli che sopravvivono sviluppano almeno una malattia cronica.

 I bambini americani sarebbero meglio protetti se questi funzionari- - prima di imporre misure discutibili e draconiane- - studiassero i risultati sulla salute infantile in Giappone. Con una popolazione di 127 milioni, il Giappone ha i bambini più sani e la più alta "aspettativa di vita sana" nel mondo— e i bambini meno vaccinati di qualsiasi paese sviluppato. Gli Stati Uniti, al contrario, hanno il programma di vaccinazione più aggressivo del mondo sia in termini numerici che temporali, a partire dalla gravidanza, dalla nascita e nei primi due anni di vita. Questo rende i bambini degli Stati Uniti più sani? La risposta chiaramente è no. Gli Stati Uniti hanno il più alto tasso di mortalità infantile di tutti i paesi industrializzati, con più bambini americani che muoiono alla nascita e nel primo anno rispetto a qualsiasi altra nazione comparabile e più della metà di quelli che sopravvivono sviluppano almeno una malattia cronica. L'analisi della mortalità infantile nel mondo reale e dei risultati sulla salute mostrano che la politica dei vaccini negli Stati Uniti non costituisce un toccasana per i bambini americani.


Il Giappone e gli Stati Uniti; Due diverse politiche di vaccinazione

Nel 1994, il Giappone ha abbandonato le vaccinazioni obbligatorie nei centri di salute pubblica a favore di vaccinazioni volontarie negli studi medici, adottando "il concetto che è meglio che le vaccinazioni siano eseguite dai medici di famiglia che conoscono bene le loro condizioni di salute". Il Giappone ha creato due categorie di vaccini non obbligatori: Vaccini "di routine" che il governo copre finanziariamente e "raccomanda vivamente" ma non obbligatori da Leggi dello Stato, e ulteriori vaccini "volontari", generalmente da pagare. A differenza degli Stati Uniti, Il Giappone non chiede requisiti vaccinali di accesso per i bambini che entrano nell'asilo o nella scuola elementare. Il Giappone ha anche vietato il vaccino “MMR” nello stesso arco di tempo, a causa di migliaia di danneggiati gravi in un periodo di quattro anni - -  provocando un tasso di infortuni di uno su 900 bambini, "oltre 2000 volte superiore al tasso previsto”. "Inizialmente offriva vaccini separati contro il morbillo e la rosolia in seguito all'abbandono del vaccino “MMR”; Il Giappone ora raccomanda un vaccino combinato contro il morbillo e la rosolia (MR) per l'uso di routine, ma comunque evita l'”MMR”. Il vaccino contro la parotite si trova nella categoria "volontaria".

 Ecco le principali differenze tra i programmi di vaccinazione giapponesi e statunitensi:

  • Il Giappone non ha mandati obbligatori vaccinali, raccomanda invece i vaccini che (come discusso sopra) sono "di routine" (coperti da assicurazione) o "volontari" (auto-retribuzione).
  • Il Giappone non vaccina i neonati con il vaccino contro l'epatite B (HepB), a meno che la madre sia positiva per l'epatite B.
  • Il Giappone non vaccina le madri in gravidanza con il vaccino contro la pertosse e la pertosse acellulare (Tdap).
  • Il Giappone non somministra vaccini antinfluenzali alle madri incinte o ai neonati di sei mesi.
  • Il Giappone non obbliga il vaccino “MMR”, raccomanda invece un vaccino “MR”.
  • Il Giappone non richiede il vaccino contro il papilloma virus umano (HPV).

Nessun altro paese sviluppato somministra così tante dosi di vaccini nei primi due anni di vita [come negli Stati Uniti].

giappone1

l contrario, il programma vaccinale degli Stati Uniti (vedere Tabella 1) prescrive la vaccinazione di routine durante la gravidanza, richiede la prima dose di vaccino “HepB” entro 24 ore dalla nascita - - anche se il 99,9% delle donne in stato di gravidanza, dopo i test, è negativo per l'epatite B, si procede con 20-22 dosi di vaccino solo nel primo anno di vita del neonato. Nessun altro paese sviluppato somministra così tante dosi di vaccini nei primi due anni di vita. Il vaccino “HepB” viene iniettato ad un neonato con un carico di alluminio di 250 microgrammi, un adiuvante neurotossico e immuno-tossico, utilizzato per provocare una risposta immunitaria. Non ci sono studi per sostenere la sicurezza di esporre i bambini a livelli così elevati di metallo iniettato. Infatti, il limite superiore della “FDA” per l'alluminio nei liquidi per via endovenosa (IV) per i neonati è di gran lunga inferiore a cinque microgrammi per chilogrammo al giorno (mcg / kg / die) – e anche a questi livelli, i ricercatori hanno documentato la potenziale compromissione dello sviluppo neurologico. Per un neonato medio del peso di 7,5 libbre [3,4 Kg.], il vaccino “HepB” ha oltre 15 volte più alluminio rispetto al limite superiore della “FDA” per soluzioni “IV”. A differenza del Giappone, gli Stati Uniti somministrano vaccini antinfluenzali e “Tdap” a donne in gravidanza (durante qualsiasi trimestre) e i bambini ricevono vaccini antinfluenzali a sei mesi di età, continuando successivamente ogni anno. I produttori non hanno mai testato la sicurezza dei vaccini antiinfluenzali somministrati durante la gravidanza, e la “FDA” non ha mai formalmente autorizzato alcun vaccino "specificamente per l'uso durante la gravidanza per proteggere il bambino".

Inizialmente, il Giappone raccomandava il vaccino contro l' ”HPV”, ma smise di farlo nel 2013, dopo che gravi problemi di salute provocarono numerose azioni legali. I ricercatori giapponesi hanno confermato una relazione temporale tra la vaccinazione contro l' ”HPV” e lo sviluppo di patologie da parte dei vaccinati.

I sostenitori dei vaccini negli Stati Uniti affermano che il programma vaccinale degli Stati Uniti è simile a quello degli altri paesi sviluppati, ma questa affermazione è stato verificato che è errata. La maggior parte degli altri paesi non raccomanda la vaccinazione durante la gravidanza e pochissimi vaccinano il primo giorno di vita. Questo è importante perché il numero, il tipo e il momento dell'esposizione ai vaccini possono influenzare notevolmente il loro impatto negativo sullo sviluppo di feti e neonati, che sono particolarmente vulnerabili alle esposizioni tossiche e all'attivazione immunitaria precoce. Gli studi dimostrano che l'attivazione del sistema immunitario delle donne in gravidanza può causare problemi di sviluppo nella loro prole. Perché si consigliano le donne incinte degli Stati Uniti di proteggere i loro feti in via di sviluppo evitando alcol e mercurio contenenti tonno, ma vengono attivamente spinte a ricevere vaccini “Tdap” e antiinfluenzali che attivano il sistema immunitario e che contengono ancora mercurio (nelle fiale multi dose) e altre sostanze non testate? Gli organi competenti degli Stati Uniti hanno ignorato queste e altre simili relazioni e non solo continuano a promuovere in modo aggressivo e persino a prescrivere il vaccino “HPV precedentemente facoltativo ad iniziare dalla preadolescenza, ma ora lo stanno anche promuovendo in età adulta. Il vaccino HPV prodotto dalla Merck ha ricevuto un'approvazione accelerata dalla “FDA”, nonostante che la metà di tutti gli studi clinici riportano gravi condizioni mediche entro sette mesi [dalla vaccinazione].

giappone2

“Best and Worst”: due diversi risultati di mortalità infantile

Il “CDC” considera la mortalità infantile uno degli indicatori più importanti della salute generale di una società. L'agenzia dovrebbe prendere nota del tasso del Giappone, che, con 2 morti infantili su 1.000 nati vivi, è il secondo più basso nel mondo, secondo solo al Principato di Monaco. In confronto, quasi tre volte il numero di bambini americani che muoiono (5,8 per 1.000 nati vivi), nonostante l'enorme spesa pro capite per l'assistenza sanitaria per i bambini (vedi Tabella 2). La mortalità infantile negli Stati Uniti si colloca dietro 55 altri paesi ed è peggiore del tasso in Lettonia, Slovacchia o Cuba.

Se i vaccini salvano vite, perché i bambini americani muoiono a un ritmo più veloce e ... morendo più giovani rispetto ai bambini di altri 19 paesi ricchi - tradotto in un rischio maggiore di morte del 57 per cento prima di raggiungere l'età adulta?

Per ribadire, gli Stati Uniti hanno il programma vaccinale più aggressivo dei paesi sviluppati (somministrando la maggior parte dei vaccini al più presto).

Se i vaccini salvano vite, perché i bambini americani "muoiono a un ritmo più veloce, e ... stanno morendo più giovani" rispetto ai bambini di altri 19 paesi ricchi—traducendo in un "57 per cento maggiore rischio di morte prima di raggiungere l'età adulta"? I bambini giapponesi che ricevono il minor numero di vaccini -- senza obblighi governativi per le vaccinazioni - - crescono fino a godere di vite "lunghe e vigorose". Le statistiche internazionali sulla mortalità infantile e sulla salute e la loro correlazione con i protocolli di vaccinazione mostrano i risultati che i funzionari governativi e sanitari stanno ignorando con grande pericolo per i nostri figli. Tra i 20 paesi con i migliori risultati mondiali di mortalità infantile, solo tre paesi (Hong Kong, Macao e Singapore) somministrano automaticamente il vaccino” HepB” a tutti i neonati, in base al fondamento logico che l'infezione da epatite B è altamente endemica in questi paesi.  La maggior parte degli altri 17 paesi sviluppati, tra cui il Giappone, danno il vaccino “HepB” alla nascita solo se la madre è positiva per l'epatite B (Tabella 1). Gli Stati Uniti, con la loro vergognosa classificazione della mortalità infantile n. 56, danno il vaccino “HepB” a tutti i quattro milioni di bambini nati ogni anno nonostante una bassa incidenza di epatite B.


Gli Stati Uniti sacrificano la salute dei bambini per i profitti?

Merck, il produttore di vaccini “MMR”, è in tribunale per frodi legate a “MMR”.  Gli esperti denunciano il gigante farmaceutico di aver truccato i suoi dati di efficacia per la componente parotite del vaccino per assicurarsi il continuo monopolio sul mercato. Le prove dei denuncianti hanno dato origine a due casi giudiziari separati. Inoltre, un esperto del ”CDC” ha affermato che il vaccino “MMR” aumenta i rischi di autismo in alcuni bambini. Altri hanno riferito che il potenziale rischio di lesioni permanenti da parte del vaccino “MMR” supera quello di contrarre il morbillo stesso. Perché la “FDA” e il “CDC” continuano ad approvare il vaccino” MMR,” problematico nonostante le implicazioni della Merck nella frode sulla sicurezza e l'efficacia del vaccino? Perché i legislatori e i funzionari del governo degli Stati Uniti non chiedono un'alternativa migliore, come ha fatto il Giappone più di due decenni fa?  Perché le città e gli stati degli Stati Uniti costringono alla somministrazione del vaccino “MMR” della Merck i bambini americani? l governo degli Stati Uniti protegge i bambini o la Merck?  Perché i funzionari degli Stati Uniti ignorano il modello esemplare del Giappone, che dimostra che il programma di vaccinazione più misurato nel mondo industrializzato e "servizi igienico-sanitari di prima classe e livelli di nutrizione" possono produrre risultati ottimali per la salute dei bambini, i migliori in tutto il mondo?

Un principio centrale di una società libera e democratica è la libertà di prendere decisioni informate sugli interventi medici che comportano gravi rischi potenziali.

Ciò include il diritto di essere informati dei benefici e dei rischi e la possibilità di poter dire no.

Il Codice etico di Norimberga stabilì la necessità del consenso informato senza "alcun elemento di forza, frode, inganno, costrizione eccessiva o altra forma ulteriore di costrizione o coercizione".

Costringendo al vaccino “MMR”, o a qualsiasi altro vaccino a coloro che non sono informati, o a chi non acconsente, rappresenta nientemeno che una tirannia medica.

 Di Kristina Kristen, Guest Writer


Fonte: childrenshealthdefense.org