Nessun vaccino pediatrico statunitense è stato sottoposto a test placebo

Nessun vaccino pediatrico statunitense è stato sottoposto a test placebo

Un omaggio speciale a Del Bigtree (nella foto) e al suo team all'ICAN per la sua incredibile lettera di 88 pagine all'HHS sulla sicurezza dei vaccini. Come riportato da Del Bigtree - nell'ultima edizione di Highwire - la lettera, in risposta a una precedente risposta del direttore del National Vaccine Program Office, Melinda Wharton, che ha operato in seguito, ha impiegato quasi un anno per compilare ed è una meticolosa ricerca. La cosa più sensazionale è stata la ricerca del reclamo HHS attraverso gli archivi del governo degli Stati Uniti secondo cui almeno alcuni vaccini pediatrici erano stati messi alla prova contro un placebo e si sono conclusi negativamente. Non solo, hanno stabilito che nessuno dei vaccini contro cui quei vaccini erano stati processati era mai stato provato contro un placebo. Alla fine della linea i prodotti tossici venivano confrontati solo con altri prodotti tossici, piuttosto che contro la soluzione salina.

Lasciare da parte gli scettici, perché qualsiasi credente nel programma vaccinale sia un intervento necessario per la salute pubblica, questo dovrebbe essere un risultato devastante. Fondamentalmente, la ricerca sulla sicurezza di uno qualsiasi dei prodotti prima della commercializzazione semplicemente non c'era. I produttori apparentemente non credevano che i loro proto-prodotti potessero resistere a questo controllo, e per il resto non gli importava: sotto il presunto imperativo di proteggere la popolazione sembra che tutto sia andato. Quindi, anche prima di tutte le procedure di controllo fittizie e le revisioni che Del e il suo team smantellano in termini forensi, ci viene lasciata la proposta che nessuno dei prodotti attuali viene dato ai bambini statunitensi - e frequentemente altri bambini nella maggior parte del mondo sviluppato - tutti i dati di sicurezza pre-marketing significativi. Se credi nel programma sei stato deluso: se volevi un programma con qualche pretesa di sicurezza - supponendo che una cosa del genere fosse possibile - sembra che tu debba ricominciare da capo. I produttori hanno fatto questo: i governi, i politici e i regolatori (a livello internazionale) hanno permesso che accadesse.

Questo documento è stato pubblicato contemporaneamente a una richiesta nel Regno Unito della Royal Society for Public Health (di cui non avevo mai sentito parlare) per chiudere i commenti sui vaccini sul web. Fa eco alle chiamate di Seth Berkley di GAVI, Heidi Larson del Vaccine Confidence Project e del Parlamento europeo. L'opuscolo respinge a dismisura la preoccupazione che i vaccini abbiano effetti collaterali o che potresti averne troppi. Sono pure pubbliche relazioni e, se la società afferma di essere "indipendente", ammette anche che la pubblicazione è stata pagata per Merck, un dettaglio che è stato riportato dal British Medical Journal e dal Guardian, ma non fedele alla forma dalla BBC. In verità, abbiamo costruito questo momento per due decenni: mentre le prove accumulano il fatto che ogni singolo aspetto del programma manca di integrità o è semplicemente marcio fino al midollo, tutti i responsabili possono chiedere il silenzio delle loro critiche, e mantenere i prodotti sicuri perché dicono così.

Qui trovi la lettera dell'ICAN. Dovrebbe essere lette da tutti. Capiamo che è in lingua inglese, ma le risultanze sono di enorme importanza!


Fonte: