La narrativa sui vaccini contro il morbillo sta crollando

La narrativa sui vaccini contro il morbillo sta crollando

A cura del dott. Alan Palmer, scrittore collaboratore di Children's health defense

[Nota CHD: I numeri di pagina citati in tutto l'articolo sono tratti da 1200 Studi: la verità prevarrà, l’ebook gratuito del Dr. Palmer. Il link per il download è disponibile nella biografia alla fine dell'articolo.]

Cinque punti chiave - tutti falsi - stanno guidando la campagna di paura correlata al morbillo con coercizione al vaccino:

  1. 1.  Se il morbillo ritorna, migliaia di bambini moriranno ogni anno negli Stati Uniti
  2. 2.  Il regime vaccinale MMR a due dosi fornirà protezione per tutta la vita alla maggior parte delle persone.
  3. 3.  Gli adulti precedentemente vaccinati con una protezione calante degli anticorpi possono ricevere una protezione efficace e duratura dai richiami MMR.
  4. 4.  Dobbiamo raggiungere e mantenere un tasso di vaccinazione del 95% per l'immunità di gregge.
  5. 5.  I vaccini MMR e MMR + varicella (MMRV) proteggeranno da tutti i ceppi del morbillo.

Quelle che seguono sono le mie confutazioni a ciascuna di queste menzogne.

Falsità n. 1: Se il morbillo ritorna, migliaia di bambini moriranno ogni anno negli Stati Uniti

L'iper esagerazione della minaccia del morbillo - e la paura che questa genera nella popolazione - sono su quello che l'industria del vaccino e i funzionari della sanità pubblica contano per favorire la conformità pubblica

e le azioni legislative per rimuovere la libertà di scelta. Tuttavia, è tempo di mettere fine a questa irragionevole paura del morbillo. I reali rischi del morbillo nell'America moderna impallidiscono rispetto ai danni da vaccino e agli effetti avversi dello stesso sulla salute dei nostri bambini (pagine 561-564). Il vaccino contro il morbillo è stato responsabile di gravi danni, invalidità permanenti e decessi.

Anche se l'industria dei vaccini ama prendersi il merito per la diminuzione delle morti per morbillo, le statistiche del governo degli Stati Uniti raccontano una storia molto diversa. Quando il primo vaccino contro il morbillo, inefficace e problematico, fu introdotto nel 1963 (con un secondo vaccino introdotto poi nel 1968), il tasso di decessi attribuito al morbillo era già diminuito di oltre il 98%, tra il 1900 e il 1962, e continuava la sua traiettoria discendente.

Alcune statistiche del governo affermano addirittura che il tasso di mortalità per morbillo era diminuito del 99,4% prima dell'introduzione del vaccino. 

Indipendentemente dal grafico che si utilizza, si tratta di un calo di quasi il 100%. Inoltre, non vi è motivo di credere che il tasso di mortalità avrebbe smesso di scendere se non fosse arrivato il vaccino. Pertanto, asserire che il vaccino contro il morbillo avesse qualcosa a che fare con il declino della mortalità del morbillo è disonesto ed è un pessimo tentativo di riscrivere la storia.10 15 19 Decline in measles mortality 1900 1963 before the vaccine

Prima dell'introduzione del vaccino, il tasso di mortalità riportato dal governo per il morbillo era di circa 1 su 10.000 casi. Tuttavia, in un altro tentativo di esagerare i fatti, i funzionari spesso riportano il tasso come 1 su 1.000 casi.

 Ciò che deve essere compreso è che il 90% di tutti i casi di morbillo non è mai stato segnalato perché i genitori non hanno sempre portato i loro figli dal medico. Nella maggior parte dei casi il morbillo era mite, durava solo pochi giorni, e a quel punto i bambini tornavano a scuola e la vita andava avanti. 

Nessun grosso problema. Negli anni '50 e '60, le persone vedevano il morbillo come una condizione scomoda ma innocua, che praticamente tutti hanno avuto e sono guariti ottenendo una protezione permanente.

Solo circa il 10% dei casi complessivi delle persone colpite era abbastanza grave per cercare assistenza medica, e tra il sottogruppo di casi che hanno richiesto assistenza medica e sono stati segnalati, il tasso di mortalità è stato di circa 1 su 1.000. Tralasciando la parola cruciale "riportato", le agenzie di stampa presentano in modo inesatto il tasso di mortalità come 1 su 1.000 casi anziché su un molto più preciso 1 su 10.000 casi.

 C'è un altro fatto cruciale da considerare. Gli studi dimostrano che le vittime di morbillo erano 10 volte più alte nelle comunità a basso reddito e in condizioni di povertà rispetto alle comunità a medio reddito (pagine 487-488).

 La maggiore incidenza di vittime nelle comunità povere ha drasticamente distorto il tasso di mortalità complessivo. Il tasso di mortalità nelle aree a medio e alto reddito potrebbe essere stato di circa 1 su 100.000 casi.

Il grafico sulla mortalità del morbillo conferma che era più intenso tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo negli Stati Uniti, e questo era anche il caso

dell'Europa occidentale.

In effetti, nel 1800 e nei primi del 1900, le grandi città erano predisposte per la diffusione di malattie infettive a causa di malnutrizione, sovraffollamento, igiene personale inadeguata, cattive condizioni sanitarie, mancanza di vitamine e alimenti con vitamine aggiunte, e accesso limitato a cure mediche adeguate. Inoltre, i cavalli erano il principale mezzo di trasporto e lasciavano le strade strette piene di letame. Mosche e ratti erano ovunque. Tutti questi fattori hanno indebolito il sistema immunitario delle persone.

Nell'attuale era, il morbillo rimane mortale in alcuni paesi rispetto ad altri. 

Questo perché le condizioni nelle parti povere del mondo oggi sono simili alle condizioni urbane del mondo industrializzato tra la metà della fine del 1800 e l'inizio del 1900. È ancora un luogo comune per i paesi e le comunità più povere essere afflitti da molti degli stessi problemi che una volta le grandi città americane hanno avuto. Come già notato, queste condizioni creano un ambiente maturo per le malattie infettive che indeboliscono il sistema

immunitario delle persone al punto da non riuscire a combattere neanche le infezioni più lievi. Tuttavia, queste descrizioni e immagini non rappresentano certamente il tenore di vita che prevale negli Stati Uniti, in Europa occidentale e in altre società avanzate oggi! Questo è il motivo per cui la paura, l'isteria e le bugie sul ritorno del morbillo e la decimazione dei nostri figli sono così disoneste.

Mentre i produttori di vaccini, insaziabili e orientati al profitto, spingono l'isteria del morbillo, i media – legati all'industria farmaceutica per le entrate pubblicitarie - sono i loro portavoce. Nessuno di questi vuole che le persone sappiano che esistono soluzioni diverse dai vaccini. Tuttavia sappiamo che la vitamina A è un'arma potente nell'arsenale per ridurre i tassi di complicazioni del morbillo.In effetti, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) promuove l'integrazione di vitamina A nei paesi in via di sviluppo in cui il morbillo è epidemico e le sue campagne sulla vitamina A sono state annunciate come grandi successi (vedere pagine 470-471, 481-483 e 687).

Oltre alla vitamina A, gli americani di oggi hanno accesso a

composti antivirali naturali a base di erbe che possono ridurre il rischi di complicazioni e ridurre la durata della malattia. Le persone con compromissione immunitaria hanno anche accesso alle terapie con immunoglobuline, che sono estremamente efficaci nel rafforzare la resistenza del corpo alle infezioni e ridurre le complicazioni del morbillo.

Per capire la dinamica del perché il morbillo era così micidiale da 70 a 100 anni fa, cosa lo rende mortale nelle parti povere del mondo oggi e perché i tassi di mortalità sono diminuiti sia del morbillo che di altre malattie infettive quasi del 100% senza vaccini, leggi la sezione intitolata "

La verità sul declino delle malattie infettive” nel mio ebook gratuito, 1200 Studi . (Link in fondo all'articolo.)

Falsità n. 2: il regime vaccinale MMR a due dosi fornirà protezione per tutta la vita nella maggior parte delle persone

Sul suo sito Web , i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) indicano quanto segue:

"Le persone che ricevono la vaccinazione MMR secondo il programma di vaccinazione degli Stati Uniti sono generalmente considerate protette a vita contro il morbillo e la rosolia. Mentre MMR fornisce una protezione efficace contro la parotite per la maggior parte delle persone, l'immunità contro la parotite può diminuire nel tempo e alcune persone potrebbero non essere più protette contro la parotite in età avanzata. Entrambe le prove sierologiche ed epidemiologiche indicano che l'immunità al morbillo indotta da vaccino sembra essere di lunga durata e probabilmente per tutta la vita nella maggior parte delle persone. "

Questa informazione è obsoleta ed è stato dimostrato che è completamente sbagliata! Potrebbe essere stata in qualche modo accurata quando c'erano ancora un gran numero di persone anziane nella popolazione che avevano avuto il morbillo selvaggio da bambini – avendo dato loro un'immunità duratura - e quando alcuni bambini continuavano ad avere il morbillo selvaggio, fornendo così agli adulti "potenziatori" naturali, ma questa dinamica cambia nel tempo man mano che vengono vaccinate sempre più persone.

“Nel tempo, i livelli di anticorpi indotti dal vaccino diminuiscono durante l'invecchiamento della popolazione, rendendo le persone vulnerabili alle infezioni.

Negli ultimi anni, abbiamo appreso che i livelli di anticorpi prodotti dal vaccino contro il morbillo calano rapidamente, diminuendo di circa il 10% all'anno, con un'efficacia che dura non più di 10 anni dopo la seconda dose di vaccino. 

Un articolo del 2018 pubblicato sulla rivista Vaccine (intitolato "Modelli di anticorpi del morbillo, parotite e rosolia, persistenza e tasso di declino dopo la seconda dose di vaccino MMR") conferma questo fatto, e uno studio del 2017 pubblicato sul Journal of Infectious Diseases (intitolato "Anticorpi neutralizzanti il ​​virus del morbillo nelle immunoglobuline endovenose:

è possibile un aumento mediante rivaccinazione dei donatori di plasma?") spiega come ulteriori dosi di vaccino non forniscono una protezione duratura. Questi due fattori - il declino dell’efficacia del vaccino e l'incapacità di riattivare efficacemente la protezione con ulteriori richiami – lasciano completamente senza protezione la popolazione adulta precedentemente vaccinata.

In sostanza, i programmi di vaccinazione contro il morbillo possono inizialmente funzionare (gli scienziati lo chiamano il "periodo della luna di miele"), ma solo quando ci sono molti bambini che hanno già avuto il morbillo selvaggio come base, sviluppando immunità per tutta la vita e rimanendo sicuri e immuni da adulti. Questa immunità naturale può tenere sotto controllo le infezioni da morbillo per diversi anni. Poiché i bambini vaccinati invecchiano e i tassi di vaccinazione per i bambini più piccoli rimangono elevati, non ci sono più (come nell'era pre-vaccino) bambini piccoli che hanno avuto il morbillo selvaggio nella popolazione per fornire stimolatori naturali agli adulti. Nel tempo, i livelli di anticorpi indotti dal vaccino diminuiscono durante l'invecchiamento della popolazione, rendendo le persone vulnerabili alle infezioni. Purtroppo, la luna di miele è finita (pagine 503-504).

Il vaccino contro il morbillo ha distrutto l'immunità naturale di gregge di cui godevamo - e la pseudo "immunità di gregge" altamente propagandata dai proponenti del vaccino si rivela essere un errore completo, cadendo a pezzi a causa dell'incapacità del vaccino di fornire una immunità permanente per tutta la vita (pagine 572 -578). Questo spiega perché una percentuale così alta di persone che contraggono il morbillo negli ultimi focolai sono adulti vaccinati. Ad esempio, durante la famigerata epidemia Disneyland 2015 e i successivi casi di morbillo negli Stati Uniti di quell'anno, erano disponibili sequenze di virus di laboratorio per 194 casi. Di questi, 73 (38%) sono stati identificati come sequenze di vaccini MMR . 

Mentre ai funzionari piace incolpare i non vaccinati per i focolai di morbillo, queste e altre statistiche mostrano che sono invece i vaccinati ad essere suscettibili.Inoltre, l'età dei casi in California variava da sei settimane a 70 anni, con un'età media di 22 anni . Nell'era pre-vaccino, la metà di tutti i bambini aveva avuto il morbillo all'età di sei anni, mentre il resto lo ha avuto negli anni di poco successivi – In questa situazione il morbillo è più lieve e ha il più basso tasso di complicazioni. Il fatto che molti dei casi in California abbiano più o meno 20 anni indica una significativa tendenza all'aumento dell'incidenza del morbillo in età avanzata a causa dell'insufficienza del vaccino.

Vi è un'altra conseguenza non intenzionale derivante dai bassi titoli anticorpali di morbillo negli adulti precedentemente vaccinati:

le donne in età fertile non hanno abbastanza anticorpi per trasmettere quantità sufficienti ai loro neonati. Ciò rende i loro bambini più suscettibili di contrarre il morbillo (pagine 574-578). Dei 110 casi in California dall'epidemia di Disneyland, 12 (11%) erano neonati troppo piccoli per essere vaccinati . 

Molto probabilmente questi bambini sarebbero stati protetti se le loro madri avessero contratto il morbillo selvaggio da bambine.

In breve, la scienza mostra un cambiamento nella demografia dei casi di morbillo a causa del programma vaccinale. Questo spostamento ha effettivamente trasferito il rischio ai due gruppi più vulnerabili a gravi complicanze, vale a dire neonati e adulti. Gli scienziati stanno anche riconoscendo lo stesso schema di fallimento del vaccino per altre malattie infettive su cui pensavamo di aver ottenuto il controllo (pagine 588-591).

“La ricerca ... ha dimostrato che dosi aggiuntive di MMR somministrate agli adulti hanno un effetto minimo sull'innalzamento dei livelli di anticorpi e che i titoli aumentati sono molto temporanei, decrescenti in meno di quattro mesi!

Falsità n. 3: Gli adulti precedentemente vaccinati con protezione anticorpale calante possono ricevere una protezione efficace e duratura con richiami MMR

La ricerca pubblicata nel 2017 sul Journal of Infectious Diseases ha dimostrato che dosi aggiuntive di MMR somministrate agli adulti hanno un effetto minimo sull'innalzamento dei livelli di anticorpi e che i titoli aumentati sono solo temporanei, diminuendo in meno di quattro mesi! Pertanto, la reazione istintiva di alcuni sostenitori del vaccino a obbligare gli adulti a fare richiami di MMR ogni 5-10 anni non funzionerà. È assolutamente evidente che non possiamo ‘vaccinare’ la nostra via d'uscita da questo problema (pagine 577-578). 

Quindi, cosa facciamo ora?  È come spremere il dentifricio dal tubo. Non si può rimetterlo dentro!

Falsità n. 4: Dobbiamo raggiungere e mantenere un tasso di vaccinazione del 95% per realizzare l'immunità di gregge

Lo sentiamo continuamente: "Dobbiamo vaccinare tutti i bambini per mantenere" l'immunità di gregge ", e questo è ciò che proteggerà i vulnerabili che non possono essere vaccinati". La narrativa su "l'immunità della gregge" è progettata per sostenere gli sforzi di vaccinazione e la conformità pubblica, ma non ‘trattiene l'acqua’. Con una popolazione adulta non protetta (come discusso nelle sezioni precedenti), non siamo in alcun modo vicini al tasso "immunità" del 95% per il morbillo che dovrebbe realizzare l'immunità di gregge. In effetti, le statistiche CDC dimostrano che non siamo vicini al 95% per nessuna delle malattie infettive per le quali vengono somministrati i vaccini.

Il sito web del CDC ha una sezione intitolata Tendenze nella copertura delle vaccinazioni per adulti: dal 2010 al 2016 . Riferisce sui risultati del National Health Interview Survey (NHIS) e mostra le percentuali della popolazione adulta degli Stati Uniti che afferma di essere stata vaccinata contro varie malattie infettive. Evidentemente, il morbillo, la parotite e la rosolia sono assenti dal sondaggio. Ho cercato ampiamente e non ho trovato nessun altro sondaggio che li includa. Bisogna porre la domanda: perché i sondaggi nazionali non fanno domande sul vaccino MMR, quando è uno dei pilastri del paradigma del vaccino statunitense (se non il Santo Graal stesso)? 

È perché la stragrande maggioranza degli adulti ha un'età post-vaccino (cioè sotto i 60 anni), la maggior parte dei quali non avrebbe ricevuto un vaccino MMR all'asilo?  È perché i progettisti del sondaggio sanno che la percentuale di adulti che afferma di essere vaccinata contro M, M o R sarebbe estremamente bassa? I ricercatori sui vaccini sanno da tempo che i titoli anticorpali calano rapidamente e che gli adulti non sono protetti. Qualunque sia la ragione del punto cieco del sondaggio, le risposte alle domande ipotetiche sulla vaccinazione MMR non si adatterebbero alla narrazione che i funzionari stanno spingendo, ma ora dovrebbero?

L'NHIS chiede agli adulti se sono stati vaccinati per varie malattie infettive, ma molti degli adulti che rispondono in modo affermativo - e inclusi nelle percentuali "vaccinate" - avrebbero sicuramente perso la loro immunità temporanea, dato ciò che sappiamo sulla diminuzione dell'immunità dei vaccini col tempo. Pertanto, tali individui non appartengono realmente alla coorte "vaccinata", il che implica che le percentuali "vaccinate" dovrebbero essere persino inferiori. Considerare anche che mentre i bambini di età compresa tra 2-6 anni hanno alti tassi di copertura vaccinale (nell'intervallo dall'80% al 90%), quella fascia d'età rappresenta una piccola parte del "gruppo" (forse il 5%) e le persone sotto i 18 anni di età rappresentano meno del 20% dell'intera popolazione.

L'argomento dell’”immunità di gregge" a favore del vaccino potrebbe ‘trattenere l'acqua’ se tutti i bambini fossero tenuti in una bolla — completamente lontani da tutti gli adulti che non sono stati vaccinati o hanno perso l'immunità del vaccino — ma sappiamo che non è così.

Viviamo tutti insieme, con un'esposizione incrociata in questo grande "gregge" che chiamiamo umanità. Pertanto, il falso discorso sull'immunità di gregge non ha in realtà basi ma è una strategia intenzionale: creare l'apparenza di una "soluzione" per raggiungere l'obiettivo della piena conformità vaccinale in tutti i bambini.

“Anche con il 100% di bambini vaccinati, questo fenomeno [fallimento primario del vaccino] significa che quasi 1 bambino su 10 non sarà mai protetto.

Altro da considerare è il fenomeno del "fallimento primario del vaccino", che si riferisce al sottogruppo di bambini in cui un determinato vaccino non produce mai una risposta anticorpale sufficiente. I sostenitori del vaccino affermano che questo numero è solo del 5% circa, ma i dati suggeriscono che il numero potrebbe essere più alto. Anche con il 100% di bambini vaccinati, significa che quasi 1 bambino su 10 non sarà mai protetto.

Come già accennato, i vaccini hanno distrutto l'immunità naturale del gregge per tutta la vita, generata dalla risposta immunitaria al morbillo selvaggio. 

Ciò ha portato ad un cambiamento nel profilo demografico delle persone che hanno il morbillo, lontano dall’età dai 4 ai 12 anni (pre-vaccino) – in cui la malattia è più lieve - verso neonati e adulti (post-vaccino) popolazioni nelle quali  il morbillo causa il maggior numero di complicazioni (pagine 500-504 e 579-581).

Falsità n. 5: I vaccini MMR e MMRV proteggeranno da tutti i ceppi del morbillo

Stanno emergendo evidenze che il virus del morbillo sta mutando a causa dell'intensa spinta al vaccino. Un articolo del Journal of Virology del 2017 avverte di questo segnale inquietante, una scoperta di quello che chiamano il sottogenotipo D4.2 . Finora, i ricercatori hanno isolato questo "mutante" in Francia e Gran Bretagna. Inoltre, il ceppo mutante non è stato efficacemente neutralizzato quando testato contro sieri di circa 70 individui vaccinati nel Nord America. Gli esperti chiamano questi ceppi "sfuggiti ai mutanti" e avvertono che, con una popolazione adulta non protetta (i cui titoli non possono essere potenziati, come menzionato in precedenza), affrontiamo la possibilità di epidemie senza precedenti.

La preoccupazione è che, in condizioni di elevata copertura vaccinale, il virus del morbillo stia trovando il modo di sopravvivere. Nell'era pre-vaccino, l'esposizione infantile al morbillo selvaggio conferiva protezione a tutta la popolazione attraverso il mantenimento di una solida immunità permanente contro tutte le varianti del morbillo. Ora che i vaccini forniscono solo un'immunità a breve termine, siamo a rischio di epidemie diffuse (pagine 578-579).

La ricerca sta segnalando una crisi incombente, simile a quella che abbiamo creato con gli antibiotici. 

L'eccessiva prescrizione di antibiotici ha creato mutazioni nei batteri che hanno superato lo sviluppo di nuovi antibiotici.

Non solo, ma questi "superbatteri" sono molto più virulenti (mortali), con oltre 100.000 americani che muoiono ogni anno a causa di infezioni resistenti agli antibiotici. 

È possibile dobbiamo prepararci per uno scenario simile con i vaccini?

Per ulteriori informazioni, scarica il mio eBook gratuito, 1200 Studies: Truth prevail . Ha funzioni di ricerca e navigazione semplici e collega direttamente gli abstract degli articoli su PubMed o sul journal di origine. Queste caratteristiche lo rendono un prezioso strumento di ricerca e di riferimento. Ora lungo 718 pagine, l'eBook copre oltre 1.400 studi pubblicati - scritti da migliaia di scienziati e ricercatori - che contraddicono ciò che i funzionari stanno dicendo al pubblico sulla sicurezza e l'efficacia dei vaccini.


Fonte: https://childrenshealthdefense.org/news/the-measles-vaccine-narrative-is-collapsing/