Presunti campioni di virus SARS e influenza trovati nei bagagli: il rapporto dell'FBI descrive il "rischio di biosicurezza" della Cina

Presunti campioni di virus SARS e influenza trovati nei bagagli: il rapporto dell'FBI descrive il "rischio di biosicurezza" della Cina

WASHINGTON - Alla fine novembre 2018, poco più di un anno prima che fosse identificato il primo caso di coronavirus a Wuhan, gli agenti di protezione doganale e delle frontiere statunitensi all'aeroporto di Detroit Metro hanno fermato un biologo cinese con tre fiale etichettate "Anticorpi".

Il biologo disse agli agenti che un collega in Cina gli aveva chiesto di consegnare le fiale a un ricercatore di un istituto statunitense. Dopo aver esaminato le fiale, tuttavia, gli agenti doganali sono giunti a una conclusione allarmante.

"L'ispezione della scritta sui flaconcini e il destinatario dichiarato hanno indotto il personale ispettivo a ritenere che i materiali contenuti nei flaconcini possano essere materiali della Sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) e SARS (Severe Acute Respiratory Syndrome)"

Il rapporto, scritto dall'Unità di intelligence chimica e biologica della Direzione delle armi di distruzione di massa dell'FBI (WMDD), non fornisce il nome dello scienziato cinese che trasportava i sospetti campioni SARS e MERS, o il destinatario previsto negli Stati Uniti, ma l'FBI concluse che l'incidente e altri due casi citati nel rapporto facevano parte di un modello allarmante.

fbi1

"La direzione Weapons of Mass Destruction valuta i ricercatori scientifici stranieri che trasportano materiali biologici non dichiarati e non documentati negli Stati Uniti nel loro bagaglio a mano e / o bagaglio registrato quasi certamente presentano un rischio per la biosicurezza negli Stati Uniti", si legge nel rapporto. "Il WMDD effettua questa valutazione con grande fiducia sulla base di relazioni di collegamento con accesso diretto."

Il rapporto, pubblicato più di due mesi prima che l'Organizzazione Mondiale della Sanità venisse a conoscenza di un gruppo di casi di polmonite a Wuhan che si rivelò essere COVID-19, sembra essere parte di una più grande preoccupazione dell'FBI riguardo al coinvolgimento della Cina nella ricerca scientifica nel Stati Uniti. Sebbene il rapporto si riferisca ampiamente a ricercatori stranieri, tutti e tre i casi citati riguardano cittadini cinesi.

Nel caso delle sospette fiale di SARS e MERS, il rapporto dell'intelligence cita un altro documento classificato che è contrassegnato come "FISA", nel senso che contiene informazioni raccolte ai sensi della Foreign Intelligence Surveillance Act. Un altro caso citato nel rapporto sembrava coinvolgere ceppi di influenza e un terzo era sospettato di E. coli.

fbi1

fbi1

L'FBI non afferma esattamente quale tipo di rischio per la biosicurezza potrebbero presentare questi casi, ma Raina MacIntyre, professore di biosicurezza globale presso l'Università del New South Wales a Sydney, ha affermato che l'FBI sembra preoccuparsi della ricerca a duplice uso che sarebbe usata per bioterrorismo. E se i campioni illeciti citati nel rapporto venissero portati negli Stati Uniti, dice, il traffico sarà probabilmente in entrambi i modi.

Il generale Robert Spalding, che ha lavorato su questioni relative alla Cina nel Consiglio di sicurezza nazionale sotto l'amministrazione Trump, ha affermato che "esiste una minaccia" rappresentata da cittadini cinesi che trasportano campioni biologici, ha dichiarato che: "probabile che il corriere ... sarebbe qualcuno che non era consapevole , "Rendendo difficile determinare l'intento. "Alcuni probabilmente potrebbero essere intenzionali, per testare la nostra capacità di identificare e intercettare. Altri potrebbero essere opportunisti "

Il rapporto dell'FBI si riferisce sia alla biosicurezza, che in genere si riferisce all'uso intenzionale di agenti patogeni, come per il bioterrorismo, sia alla biosicurezza, che copre il rilascio accidentale. L'FBI ha rifiutato di commentare il rapporto.

Le preoccupazioni sulla biosicurezza cinese non sono nuove. Ad esempio, l'epidemia di SARS nel 2003 è stata seguita da numerosi episodi di infezione causati da incidenti di laboratorio, tra cui otto casi risultanti da una cattiva gestione presso l'Istituto cinese di virologia di Pechino.

"Ci sono stati casi in passato in cui una variante di una specie di pandemia influenzale era sfuggita a un laboratorio a causa della cattiva gestione", ha affermato Elsa Kania, membro aggiunto del Center for a New American Security.

Ma il problema non si limita ai ricercatori cinesi, anche se quei casi sono stati importanti, ha continuato. "Certamente è un rischio per la biosicurezza quando qualcuno trasporta materiali in modo clandestino perché ... ci sono stati diversi incidenti in cui ciò si è verificato con ricercatori di varie nazionalità".

fbi1

Le preoccupazioni circa l'inadempienza da parte della Cina delle precauzioni di biosicurezza hanno una lunga storia, ma è probabile che la pandemia di coronavirus aggravi le tensioni tra Pechino e Washington. L'epidemia arriva nel mentre le crescenti tensioni nelle relazioni USA-Cina su questioni che vanno dal commercio allo spionaggio.

Andrew Weber, che ha lavorato durante l'amministrazione Obama come assistente segretario alla difesa per i programmi di difesa nucleare, chimica e biologica, ha affermato che il rapporto con la Cina nelle scienze biologiche è peggiorato negli ultimi anni.

“Dopo la SARS, quando la Cina aveva bisogno di assistenza tecnica, aveva una forte relazione con i [Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie]. Erano trasparenti, perché si resero conto che coprire un'epidemia gli costò caro ", ha detto Weber, ora membro anziano del Council on Strategic Risks. "Negli ultimi anni si sono rafforzati, rendendo più difficile la cooperazione internazionale".

Nelle ultime settimane, tuttavia, queste tensioni sono rapidamente aumentate, con il presidente Trump che ha definito COVID-19 "il virus cinese", mentre Pechino a sua volta ha promosso teorie cospirative affermando che il virus ha avuto origine in un laboratorio di armi degli Stati Uniti.

Gli scienziati sono stati fermamente convinti che il virus non sia un'arma, né dagli Stati Uniti né dalla Cina. "Non vi è alcuna base per sospettare che si tratti di un costrutto di laboratorio", afferma Richard Ebright, professore di biologia chimica alla Rutgers University. "Non ha nessuna delle firme attese che sarebbero presenti per la costruzione deliberata."

Tuttavia, Ebright non esclude la possibilità che la diffusione del virus abbia avuto inizio dalla scarsa biosicurezza in Cina. Una teoria fondamentale è che il virus è passato dalla fauna selvatica all'uomo. Alcuni ricercatori ipotizzano che ciò sia accaduto in un mercato di animali in ​​cui specie esotiche vengono vendute come cibo. Ma Ebright nota anche che tali virus della fauna selvatica vengono raccolti nei laboratori, incluso a Wuhan. "Pertanto, è anche possibile che questo virus sia entrato nella popolazione umana attraverso un'infezione accidentale di un addetto al laboratorio che effettua la raccolta sul campo o un incidente di un addetto al laboratorio che caratterizza il campione in un laboratorio".

Indipendentemente dal coronavirus, l'attenzione dell'FBI sulla biosicurezza cinese sembra essere parte del sospetto di lunga data da parte del governo degli Stati Uniti riguardo al coinvolgimento della Cina nelle scienze biologiche. Numerosi casi recenti di alto profilo del dipartimento di giustizia che hanno comportato l'esportazione di tecnologie sensibili hanno coinvolto scienziati cinesi o persone con presunti legami con il governo cinese.

Soprattutto, il dipartimento di giustizia a gennaio ha annunciato accuse contro Charles Lieber, presidente del dipartimento di chimica e biologia chimica di Harvard, per aver nascosto i legami con il governo cinese. "È un chiaro caso di conflitto di interessi e, sfortunatamente, non si tratta di un incidente isolato", ha detto l'agente speciale dell'FBI Joseph R. Bonavolonta, capo dell'ufficio di campo di Boston, nell'annunciare le accuse.

fbi5

Ma l'attenzione dell'FBI sulla Cina e gli aspetti cinesi stanno anche sollevando preoccupazioni tra alcuni accademici. "Temo che afferma la tendenza della sicurezza nazionale sia quella di profilare le persone di origine cinese", ha affermato Nicholas Evans, assistente professore all'Università del Massachusetts Lowell, specializzato in etica medica. "Non è solo razzista, è una cattiva pratica. L'FBI e altri tentativi di profilazione dell'intelligenza e delle forze dell'ordine sono stati molto spesso dannosi senza renderci più sicuri."

Evans ha anche messo in dubbio il focus dell'FBI sugli argomenti che trasportavano i campioni biologici come una minaccia unica. Ha indicato esempi precedenti, come un laboratorio americano nel Maine che è stato multato più di un decennio fa per l'importazione di virus dell'influenza aviaria e alta patogenicità dall'Arabia Saudita.

"L'FBI afferma che è impossibile determinare accuratamente il contenuto dei campioni, anche se dichiarato in base alle leggi vigenti sull'importazione" ... "È vero. Ma sono scettico sul grado in cui questo particolare comportamento aggiunge rischi associati alla sicurezza dato che ci sono molti altri modi per portare gli agenti biologici nel paese."

Yanzhong Huang, un membro anziano del Council on Foreign Relations, ha affermato che è vero che la Cina ha da tempo delle lacune nelle sue normative sulla biosicurezza. "Ecco perché [il presidente cinese] Xi [Jinping] a febbraio ha parlato di rafforzare la legislazione sulla biosicurezza e la biosicurezza".

Quella storia ha già incoraggiato voci come l'idea che il coronavirus sia nato come un'arma biologica.

Ora, con il deteriorarsi delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, Huang prevede che la collaborazione nella ricerca biologica diventerà ancora più difficile, invertendo decenni di cooperazione. "Spesso sostengo che l'impegno degli Stati Uniti con la Cina è il maggior successo nel campo della salute pubblica". Tale cooperazione è sopravvissuta anche al periodo difficile dopo la protesta di piazza Tiananmen del 1989.

Ora, tuttavia, tali relazioni vengono ridotte all'oggetto delle ostilità tra i due paesi.


Fonte: https://news.yahoo.com/suspected-sars-virus-and-flu-found-in-luggage-fbi-report-describes-chinas-biosecurity-risk-144526820.html