Vaccinazione antinfluenzale per operatori sanitari che si prendono cura di persone di età pari o superiore a 60 anni che vivono in istituti di assistenza a lungo termine

Vaccinazione antinfluenzale per operatori sanitari che si prendono cura di persone di età pari o superiore a 60 anni che vivono in istituti di assistenza a lungo termine

Abstract

Background: una revisione sistematica ha rilevato che il 3% degli adulti che lavorano che avevano ricevuto il vaccino antinfluenzale e il 5% di quelli che non erano stati vaccinati avevano un'influenza provata in laboratorio per stagione; negli operatori sanitari (operatori sanitari) queste percentuali erano rispettivamente del 5% e dell'8%. Gli operatori sanitari possono trasmettere l'influenza ai pazienti.

Obiettivi: identificare tutti gli studi randomizzati controllati (RCT) e non RCT che valutano gli effetti della vaccinazione degli operatori sanitari sull'incidenza di influenza, polmonite, morte per polmonite provata in laboratorio e ricovero in ospedale per malattie respiratorie in soggetti di età pari o superiore a 60 anni residente in istituti di assistenza a lungo termine (LTCI).

Metodi di ricerca: abbiamo cercato CENTRAL (2015, numero 9), MEDLINE (dal 1966 alla settimana 3 ottobre 2015), EMBASE (dal 1974 all'ottobre 2015) e Web of Science (dal 2006 all'ottobre 2015), ma solo Biological Abstracts dal 1969 a marzo 2013 e Science Citation Index-Expanded dal 1974 al marzo 2013 a causa della mancanza di accesso istituzionale nel 2015.

Criteri di selezione: studi randomizzati controllati (RCT) e non RCT sulla vaccinazione antinfluenzale di operatori sanitari che si prendono cura di individui di età pari o superiore a 60 anni in LTCIs e l'incidenza dell'influenza provata in laboratorio e delle sue complicanze (infezione delle basse vie respiratorie, o ospedalizzazione o morte a causa di infezione del tratto respiratorio inferiore) in individui di età pari o superiore a 60 anni in LTCI.

Raccolta e analisi dei dati: due autori hanno estratto i dati in modo indipendente e valutato il rischio di bias. Gli effetti sugli esiti dicotomici sono stati misurati come differenze di rischio (RD) con intervalli di confidenza (IC) al 95%. Abbiamo valutato la qualità delle prove con GRADE.

Risultati principali: Abbiamo identificato quattro cluster-RCT e uno studio di coorte (n = 12.742) sulla vaccinazione antinfluenzale per gli operatori sanitari che si prendono cura di individui di età ≥ 60 anni in LTCIs. Quattro RCT di cluster (5896 residenti) hanno fornito dati sui risultati che hanno affrontato gli obiettivi della nostra revisione. Gli studi erano comparabili nelle loro popolazioni di studio, interventi e misure di esito. Gli studi non hanno riportato eventi avversi. Le principali fonti di bias negli studi riguardavano l'attrito, la mancanza di accecamento, la contaminazione nei gruppi di controllo e i bassi tassi di copertura vaccinale nei bracci di intervento, portandoci a ridurre la qualità delle prove per tutti i risultati a causa del grave rischio di bias.Offrire la vaccinazione antinfluenzale agli operatori sanitari con sede in case di cura a lungo termine può avere un effetto minimo o nullo sul numero di residenti che sviluppano l'influenza testata in laboratorio rispetto a quelli che vivono in case di cura in cui non viene offerta la vaccinazione (RD 0 (95% CI -0,03 0,03), due studi con campioni prelevati da 752 partecipanti; evidenza di bassa qualità). La vaccinazione del personale sanitario porta probabilmente a una riduzione dell'infezione delle basse vie respiratorie nei residenti dal 6% al 4% (RD -0,02 (95% CI -0,04-0,01), uno studio su 3400 persone; evidenza di qualità moderata). I programmi di vaccinazione del personale sanitario possono avere un effetto minimo o nullo sul numero di residenti ricoverati in ospedale per malattie respiratorie (RD 0 (95% CI -0,02-0,02, uno studio su 1059 persone; evidenza di bassa qualità).Abbiamo deciso di non combinare i dati sui decessi per infezione delle basse vie respiratorie (due studi su 4459 persone) o su tutti i decessi (quattro studi su 8468 persone). La direzione e l'entità della differenza di rischio variavano tra gli studi. Non siamo sicuri dell'effetto della vaccinazione su questi risultati a causa della qualità molto bassa delle prove. Le analisi rettificate, che hanno tenuto conto del design del cluster, non differivano sostanzialmente dall'analisi aggregata con dati non rettificati.non differivano sostanzialmente dall'analisi aggregata con dati non aggiustati.non differivano sostanzialmente dall'analisi aggregata con dati non aggiustati.

Conclusioni degli autori: I risultati della nostra revisione non hanno identificato prove conclusive del beneficio dei programmi di vaccinazione del personale sanitario su esiti specifici dell'influenza provata in laboratorio, le sue complicanze (infezione del tratto respiratorio inferiore, ospedalizzazione o morte a causa di malattie del tratto respiratorio inferiore) o mortalità per tutte le cause nelle persone oltre il 60 anni che vivono in istituti di cura. Questa revisione non ha trovato informazioni sui co-interventi con la vaccinazione degli operatori sanitari: lavaggio delle mani, maschere per il viso, rilevamento precoce dell'influenza provata in laboratorio, quarantena, prevenzione dei ricoveri, antivirali e domande agli operatori sanitari con influenza o malattia simil-influenzale (ILI) non lavorare. Questa revisione non fornisce prove ragionevoli a sostegno della vaccinazione degli operatori sanitari per prevenire l'influenza nei soggetti di età pari o superiore a 60 anni residenti in LTCIs.Sono necessari RCT di alta qualità per evitare i rischi di bias nella metodologia e nella condotta identificati da questa revisione e per testare ulteriormente questi interventi in combinazione.