La sostituzione dell'anca può ucciderti?

La sostituzione dell'anca può ucciderti?
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Quando l'anca destra di Stephen Tower ha ceduto nel 2006, ha chiesto al suo chirurgo di impiantarne una artificiale, in particolare un'anca metallo su metallo chiamata ASR XL, prodotta da Johnson & Johnson. Sapeva di cosa stava parlando: in qualità di chirurgo ortopedico, il dottor Tower è specializzato in complesse protesi d'anca. Ma quello che sapeva non era abbastanza per proteggerlo da un difetto nel dispositivo.

Cinque anni dopo l'operazione, e in preda a un dolore lancinante, il dottor Tower si è sottoposto a ulteriori interventi chirurgici, questa volta per sostituire il dispositivo. Quando il chirurgo gli ha tagliato l'anca, quello che ha visto sembrava un carter pieno di olio sporco. Il tessuto che circonda l'anca era nero. La fuoriuscita di cobalto dall'anca ASR aveva causato una condizione chiamata metallosi, distruggendo non solo muscoli, tendini e legamenti locali, ma danneggiando anche il cuore e il cervello del dottor Tower.

Nonostante i ripetuti sforzi del dottor Tower per avvertire i suoi colleghi e l'azienda che gli impianti stavano danneggiando i pazienti, Johnson & Johnson ha continuato a commercializzare anche metallo su metallo. Anche se ha ritirato il modello ASR XL dal mercato nel 2010, citando vendite lente, ha continuato a vendere un altro modello altrettanto problematico, il Pinnacle, fino al 2013.

Più di 9.000 pazienti hanno intentato una causa contro la società e il 16 novembre sei pazienti di New York hanno vinto un verdetto di prova da 247 milioni di dollari per gravi danni causati dalle protesi dell'anca Pinnacle e per non aver avvertito medici e pazienti dei suoi pericoli. Questi costumi e altri stanno tirando indietro il sipario su quello che alcuni medici chiamano il selvaggio West della medicina: l'industria dei dispositivi medici non testata e in gran parte non regolamentata.

Fonte: https://www.nytimes.com/2018/01/13/opinion/sunday/can-your-hip-replacement-kill-you.html