Dépakine: Sanofi rifiuta di contribuire al risarcimento delle vittime

Dépakine: Sanofi rifiuta di contribuire al risarcimento delle vittime

Un duro colpo alle vittime di Dépakine: il laboratorio Sanofi, che commercializza il trattamento, ha rifiutato di prendere parte al fondo di compensazione per le vittime. Secondo l'azienda, solo lo stato è responsabile di questo scandalo sanitario. Sanofi "non può rispondere" ai primi avvisi di risarcimento inviati dall'Ufficio nazionale per la compensazione degli incidenti medici (Oniam), secondo una dichiarazione del gigante farmaceutico francese resa pubblica il 16 gennaio.


Il laboratorio ha riferito di aver informato le autorità

Il laboratorio si difende affermando, in particolare, di aver "informato le autorità in tutta trasparenza" sui rischi di Depakine per le donne in gravidanza, man mano che la conoscenza scientifica avanza. Dalla fine degli anni '80, le autorità sanitarie hanno persino più volte "respinto le richieste di Sanofi, che miravano, in base all'evoluzione delle conoscenze scientifiche, a menzionare nel foglietto illustrativo i rischi per il feto che potrebbero essere correlati a prescrizione di questo medicinale come parte di una gravidanza". Una dichiarazione che Sanofi non potrebbe apporre senza le autorità, la cui approvazione è essenziale per modificare le informazioni su un farmaco.

Dal 1967, Depakine e i suoi derivati hanno causato gravi malformazioni congenite tra i 2.150 e i 4.100 bambini, secondo una valutazione del 2017 dell'Agenzia francese per le medicine e l'assicurazione sanitaria. Prendendo in considerazione i bambini con ritardi dello sviluppo (disturbi autistici, psicomotori, ecc.), potrebbero esserci 14.000 vittime, secondo l'epidemiologo Catherine Hill. L'anno scorso, il ministro della Sanità Agnès Buzyn ha dichiarato più volte che lo stato avrebbe cercato Sanofi per aiutare a risarcire le vittime.


"Oniam ha mantenuto la responsabilità di Sanofi fino al 70%"

"Questa posizione del laboratorio era prevedibile ma comunque scandalosa"

Contrariamente a quanto afferma Sanofi, i procedimenti giudiziari e Oniam convergono per tenere la responsabilità del laboratorio", ha reagito Charles Joseph-Oudin, avvocato dell'Apesac, Associazione Vicakine Victims. Nelle sue prime comunicazioni di risarcimento" Oniam ha mantenuto la responsabilità dello Stato fino al 30% e quella di Sanofi fino al 70%", ha aggiunto.

Ma il rifiuto di Sanofi di pagare non bloccherà il trattamento delle vittime da parte di Oniam. Questo può davvero afferrare la giustizia per costringere la mano al laboratorio. Allo stesso tempo delle richieste di Oniam, Sanofi affronta diverse richieste civili da parte delle famiglie delle vittime. In uno di questi procedimenti dinanzi alla Corte d'appello di Orléans alla fine del 2017, il gruppo è stato condannato a pagare quasi 3 milioni di euro ai querelanti. Sanofi ha fatto ricorso per questioni di diritto.


 

Fonte: FranceTvInfo.fr